Protettore sperona pattuglia carabinieri dopo aver riscosso il pagamento dalla prostituta

Truffe online, i carabinieri denunciano sette persone

ASTI Un giovane albanese di 26 anni domiciliato in città, unitamente alla compagna 22enne anch’essa albanese, gestiva un giro di prostituzione tra Isola d’Asti e Montegrosso d’Asti.  L’altra sera i militari del nucleo operativo e radiomobile, al termine di attività investigativa, notavano le due persone a bordo di un’auto in via Quintino Sella e, poco dopo, saliva a bordo del veicolo una giovane donna, nota per l’esercizio della prostituzione che scendeva dopo pochissimo e l’auto riprendeva la marcia in direzione del centro città. I militari decidevano di procedere al controllo del veicolo mediante due pattuglie. Il malvivente vistosi braccato accellerava speronando l’autovettura dei Carabinieri posizionata in via Isnardi, pronta a fermalo. Nella circostanza il guidatore danneggiava l’autovettura colpendo i militari predisposti al controllo e trascinando uno di questi per alcuni metri dopodiché si dava a precipitosa fuga seguito dall’altro veicolo dell’arma. La fuga terminava in corso Matteotti quando l’auto si scontrava con uno sfortunato automobilista che stava facendo rientro a casa ignaro di quanto stesse accadendo.

I militari riuscivano ad arrestare i due protettori per il tentato omicidio dei militari dell’arma e sfruttamento della prostituzione.

Banner Gazzetta d'Alba