Dall’Asl garanzie sui servizi dell’ospedale Santo Spirito

Bra: nell’autunno aprirà l’hospice per i malati di tumore
L'ospedale Santo Spirito di Bra

BRA Garanzie sul mantenimento dei servizi nell’ospedale Santo Spirito di Bra fino all’attivazione di quello in via di completamento a Verduno: ancora una volta le ha chieste nei giorni scorsi il sindaco di Bra durante un confronto pubblico con il direttore generale dell’Asl Cn2 Massimo Veglio.
In una sala gremita del centro polifunzionale Giovanni Arpino il sindaco Sibille ha sottolineato la difficile situazione di settori importanti del Santo Spirito (il pronto soccorso, radiologia, medicina generale e non solo), in cui la carenza di personale porta i servizi a essere a volte al limite del collasso.
Il direttore Veglio ha risposto impegnandosi ad accelerare la ricerca di personale sanitario (che tuttavia risulta difficile da trovare, soprattutto per alcune specializzazioni). L’impegno dell’Asl di Alba-Bra è inoltre quello di mantenere attivo il pronto soccorso braidese sempre, fino all’apertura di quello unico di Verduno. Negli ultimi tempi si era infatti ventilata la chiusura notturna.
Sollecitato da Bruna Sibille sulla tempistica del cantiere, il direttore ha spiegato che, allo stato attuale dei lavori, entro la fine della primavera l’edificio potrà essere consegnato all’Asl. Quindi, tenuto conto che i tre mesi successivi saranno necessari per la messa a punto di alcuni aspetti e al trasloco delle attrezzature, entro la fine dell’estate il nuovo ospedale potrebbe essere operativo.
Bruna Sibille ha infine chiesto quali servizi andranno a Verduno e quali rimarranno a Bra. Veglio ha risposto che rimarranno al Santo Spirito tutti i servizi che non richiedono apparecchiature ad alta tecnologia: quindi esami del sangue, radiografie di base, mammografie, ecografie ecc. Il sindaco ha replicato che è necessario il mantenimento anche della camera mortuaria, di cui le nostre famiglie sono abituate a fruire da sempre.
Il sindaco in conclusione ha comunicato che il piano del trasporto pubblico locale prevede un collegamento da Bra a Verduno con cadenza ogni mezz’ora e ha auspicato un rapido avvio della Casa della salute, ovvero la struttura di coordinamento dei servizi sanitari sul territorio.

d.l.

Banner Gazzetta d'Alba