L’associazione Giulio Parusso fotografa il tempo

ALBA L’associazione culturale Giulio Parusso si è riunita in assemblea per l’approvazione del rendiconto consuntivo, del programma dell’attività del 2019 e per il rinnovo degli organi sociali al termine del primo triennio di vita.

Alla presidenza è stato confermato l’avvocato Roberto Ponzio, amico fraterno di Parusso, giornalista, storico locale e animatore culturale scomparso nel 2014. Proprio per valorizzarne l’opera e continuarne i progetti l’associazione si è costituita il 9 aprile 2016. I vicepresidenti saranno ancora l’amico Giuseppe Gobino e Lucia Tibaldi, vedova di Parusso, alla quale è stato affidato anche il ruolo di tesoriere, affiancata dal dottor Pieruccio Cirio in qualità di consigliere. Luisa Bianchi è stata confermata segretaria. I cinque componenti del consiglio direttivo rimarranno in carica fino al 2022.

L’associazione Giulio Parusso fotografa il tempo
Il direttivo, da sinistra: Pieruccio Cirio, Luisa Bianchi, Roberto Ponzio, Lucia Tibaldi e Giuseppe Gobino.

Il programma dell’attività del 2019, dopo la già avvenuta presentazione del libro Lessico finanziario di Beppe Ghisolfi lo scorso 22 febbraio, prevede per giugno quella del volume Maledette belle arti di Ugo Nespolo, socio onorario del sodalizio. All’evento sarà abbinata la presentazione dell’etichetta ideata dall’artista per le bottiglie di vino prodotte appositamente per l’associazione.

Nel periodo della Fiera del tartufo è previsto un altro evento con la proposta di una carrellata di fotografie storiche relative alle attività commerciali di via Maestra e delle vie attigue e alla loro evoluzione negli anni. Si tratta di un estratto dell’archivio fotografico digitalizzato che costituisce l’obiettivo principale dell’associazione, al quale sta lavorando sin dalla costituzione, per dare attuazione a un’idea di Parusso: far vedere la storia.

L’assemblea ha offerto l’occasione per ripercorrere quanto fatto finora e presentare le prossime fasi di questo ambizioso programma.

Gli esperti di archivi Augusto Cherchi, Wanda Gallo e Roberta Audenino hanno illustrato caratteristiche e prospettive: stanno lavorando all’archivio fotografico comunale composto di oltre 15mila immagini. Si procederà a fasi in modo da rendere ognuna sostenibile per l’associazione e valutare i risultati parziali. L’archivio sarà a disposizione di tutta la comunità, che vi potrà liberamente accedere per vedere la propria storia attraverso le immagini. Chiunque inoltre potrà contribuire affidando propri scatti.

L’assemblea ha dunque confermato non solo il consiglio direttivo, ma soprattutto gli obiettivi per i prossimi tre anni. Per informazioni: info@giulioparusso.org

Giorgia Barile

Banner Gazzetta d'Alba