Ancalau: selezionati i progetti per la finale

Ancalau: selezionati i progetti per la finale
Oscar Farinetti e il sindaco Ettore Secco col vincitore della scorsa edizione.

BOSIA A meno di venti giorni dalla quinta edizione dell’Ancalau, che si terrà a Bosia domenica 23 giugno nella cornice di Alta Langa in vetrina e di numerosi altri eventi, la direzione del Premio ha annunciato i nomi dei cinque progetti che hanno superato la selezione del comitato tecnico e sono pertanto finalisti. Si tratta di: Drive sitter (un’App che blocca le App durante la guida per evitare multe al guidatore e il rischio di incidenti), Humus (una piattaforma di job sharing per il reclutamento regolarizzato di lavoratori immigrati in agricoltura), Novis (un programma hardware-software sviluppato in collaborazione con l’Unione italiana ciechi e ipovedenti che consente di giocare con videogiochi sviluppati ad hoc), Pax (un drone in grado di rilevare depositi di rifiuti abbandonati tramite uno speciale algoritmo) e ReVideo (una terapia digitale di recupero della vista attraverso l’autoriparazione e rigenerazione delle aree danneggiate da glaucoma e maculopatia).

«Desideriamo ringraziare gli autori dei 45 progetti che ci sono arrivati. Verrebbe spontaneo apprezzarli tutti, ma purtroppo siamo obbligati a fare una selezione che talvolta impone scelte non facili», afferma il presidente dell’associazione culturale Ancalau, Silvio Saffirio. La giuria presieduta da Oscar Farinetti, il 23 giugno, dovrà operare una scelta non facile, stante la qualità dei progetti. Conclude Saffirio: «Negli anni abbiamo osservato un accentuato grado di sportività tra i contendenti e, spesso, la nascita di autentiche amicizie e di collegamenti proficui».

Fabio Gallina

Banner Gazzetta d'Alba