Cirio e Gabusi dal ministro Toninelli per parlare di Asti-Cuneo e della strada per l’ospedale

Canelli: Cirio e Gabusi contro la chiusura dell'Agenzia delle entrate in città

VIABILITA’ Il governatore del Piemonte Alberto Cirio incontrerà oggi, mercoledì, a Roma il ministro delle infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli. Ad accompagnarlo l’ex sindaco di Canelli e neo assessore ai trasporti regionale, Marco Gabusi. L’incontro, fissato nelle prime ore dopo l’elezione del presidente della Regione punta a instaurare un rapporto costante e diretto con il Ministro e il suo dicastero per portare avanti le istanze del cosiddetto Dossier Piemonte. Fanno parte del documento  opere attese da tempo come il nuovo tunnel stradale del Col di Tenda, il completamento della pedemontana piemontese, il terzo valico dei Giovi, la metropolitana di Torino linea 1 e 2, i nodi ferroviari di Torino e di Novara, oltre a molte opere caratterizzate da un forte impatto locale e cruciali per gli spostamenti quotidiani di tanti piemontesi.

Autostrada Asti-Cuneo: oggi il sopralluogo di Conte e Toninelli 3
Un’immagine del sopralluogo del marzo scorso del premier Conte e del ministro Toninelli sulla Asti-Cuneo.

Si parlerà ovviamente anche di Asti-Cuneo, il cui completamento è stato promesso dallo stesso Toninelli e dal premier Conte. Cirio ha più volte detto di fidarsi del ministro grillino e del Presidente del Consiglio, ma la scadenza di agosto per il via al cantiere è sempre più vicina e le ruspe ancora non si vedono all’orizzonte. Cirio chiederà rassicurazioni anche sulle opere di compensazione, su tutte l’allargamento della provinciale 7, al momento unica, inadeguata, strada di accesso all’ospedale di Verduno.

Durante l’incontro non si parlerà invece della Torino-Lione, per la quale il dialogo, ha sottolineato il presidente Cirio, è avviato da tempo con il primo ministro Giuseppe Conte e il vicepremier Matteo Salvini.

Marcello Pasquero

Banner Gazzetta d'Alba