150 sindaci cuneesi e astigiani all’incontro con le Poste a Roma

150 sindaci cuneesi e astigiani all'incontro promosso dalle Poste a Roma
Un gruppo di sindaci di Langa alla Nuvola dell'Eur, sede dell'incontro promosso dalle Poste

POSTE Sono 150 gli amministratori dei piccoli Comuni delle province di Asti e Cuneo che questa mattina si sono recati alla Nuvola dell’Eur per la seconda edizione dell’iniziativa “Sindaci d’Italia” organizzata da Poste italiane in collaborazione con Anci (Associazione nazionale Comuni italiani) e Uncem (Unione nazionale comuni comunità enti montani).  Si tratta di una partecipazione massiccia ed entusiastica alla convention romana, dove è andato in scena il secondo atto di un patto siglato il 26 novembre 2018 per venire incontro alle esigenze delle comunità locali.

L’obiettivo è  di salvaguardare il ruolo sociale di una delle aziende pubbliche più importanti e presenti nel nostro Paese, aprendo il dialogo con investimenti e iniziative che coinvolgano tutte le realtà, anche le più periferiche. Alla presenza di 4mila sindaci e di numerose autorità nazionali, tra cui il premier Giuseppe Conte (presente anche lo scorso anno) e alcuni ministri, Poste italiane ha tracciato un bilancio dei dieci impegni assunti lo scorso anno per incrementare il proprio impegno sul territorio, aggiungendone 15 nuovi per la prossima annata. Senza dubbio l’iniziativa più importante è stata quella di non chiudere nessun ufficio postale, neppure nei luoghi più remoti del Paese, cercando invece di installare Postamat anche nelle realtà più piccole (solo nelle province di Asti e Cuneo sono stati ben 34 i dispositivi nuovi di questo tipo). Inoltre, si è incentivato l’accesso al Wi-Fi con reti gratuite negli uffici postali (313 nelle nostre province), si sono ridotte le barriere architettoniche con lavori di ristrutturazione e si sono creati servizi di tesoreria e nuove cassette postali smart che verranno installate entro il 2022.

150 sindaci cuneesi e astigiani all'incontro promosso dalle Poste a Roma 1
Un altro gruppo di amministratori langaroli questa mattina all’incontro “Sindaci d’Italia”.

L’amministratore delegato Matteo del Fante ha dichiarato: «Poste italiane ha realizzato gli impegni assunti nel 2018 con i piccoli comuni grazie alla dedizione delle persone che lavorano in azienda e alla proficua collaborazione instaurata con il territorio e con le istituzioni locali. È giunto ora il momento di compiere una nuova tappa, arricchendo le iniziative realizzate e confidando nel fatto che i progressi conseguiti costituiscono una testimonianza della comune capacità di lavorare al servizio dell’Italia».

Tra i nuovi obiettivi troviamo l’avvio di progetti di educazione finanziaria e digitale, elogiati dal premier Conte come iniziative meritevoli per l’alto senso civico, Pos gratuiti per il servizio di pagamento digitale, l’uso di mezzi ecosostenibili per il trasporto della corrispondenza, l’installazione di locker (distributori automatici che consentono il ritiro e la consegna di merci e documenti) nei paesi privi di ufficio postale e la realizzazione di eventi filatelici che coinvolgano anche le realtà più piccole. Attività concrete che si spera possano dare benefici anche sul nostro territorio, come già avvenuto dopo la prima edizione, creando una maggior coesione tra Poste italiane e i Comuni piemontesi.

Seguiranno aggiornamenti con i commenti di alcuni sindaci della nostra zona presenti alla convention romana.

Lorenzo Germano

Banner Gazzetta d'Alba