A Neive Il turismo è in crescita

A Neive Il turismo è in crescita

NEIVE Il Comune ha inaugurato nei giorni scorsi il nuovo ufficio turistico, che si affaccia su piazza Italia. Al taglio del nastro c’erano il sindaco Annalisa Ghella, il vicepresidente della Regione Fabio Carosso, Roberto Cerrato in rappresentanza dei paesaggi Unesco, Mauro Carbone (direttore Atl) e i sindaci dei paesi limitrofi. «L’ufficio, importante punto di riferimento per agevolare le numerose attività presenti sul nostro territorio, sarà collegato in rete con altri, al fine di migliorare l’offerta. È un progetto sperimentale sino a fine anno. Poi, speriamo di avere le risorse per poterlo portare avanti», ha dichiarato il sindaco.

L’ufficio gestito, dalla Itur tour operator, vuole offrire un diverso modello di accoglienza turistica mediante informazioni nelle principali lingue straniere, promozione diretta del territorio, raccolta e organizzazione delle prenotazioni, collaborazione con Turismo in Langa, utilizzo dei social network, interagendo con gli ospiti on-line, creazione di itinerari specifici, individuazione di nuovi target d’utenza e analisi dei flussi turistici. Fabio Carosso ha definito Neive «un punto di riferimento, non solo per il turismo. È un paese che vanta personaggi e imprenditori importanti per il territorio. Come richiesto dal sindaco, ci impegneremo a ottenere i fondi necessari per la realizzazione di un parcheggio nei pressi del centro storico».

A Neive ci sono 40 attività ricettive, con una disponibilità di circa 300 posti letto, oltre a numerosi ristoranti. Negli ultimi anni è emerso che la presenza di turisti stranieri è più del doppio rispetto a quella degli italiani. Dal 2017 al 2018 si è passati da circa 13mila presenze a 16.300, mentre è stata registrata una diminuzione del tempo medio di permanenza dei turisti. Nel corso dell’ultimo decennio, le attività ricettive sono aumentate di circa dieci unità, mentre le presenze sono aumentate più del doppio, con una costante crescita dei turisti stranieri.

«L’obiettivo dell’Atl per migliorare l’offerta è di realizzare una rete di uffici turistici del territorio, una rete ben integrata, mettendo a disposizione risorse e strutture, che permetta di creare un’ospitalità diffusa», ha commentato il direttore dell’Atl Mauro Carbone.

Silvana Fenocchio

Banner Gazzetta d'Alba