Primi pagamenti della cassa integrazione per i dipendenti delle imprese artigiane

Sì all'Italia che crede nel futuro dell'artigianato e delle piccole e medie imprese

ARTIGIANI A Confartigianato sono bastate cinque settimane per dare il via ai primi pagamenti della cassa integrazione per i dipendenti delle imprese artigiane aderenti all’EBAP sospesi per Covid-19 nel mese di marzo.

Sono stati effettuati 2.826 bonifici, così i lavoratori ripartiti per territorio 283 Alessandria, 106 Asti, 223 Biella, 425 Cuneo, 299 Novara, 1268 Torino, 152 Verbania, 70 Vercelli, per un’erogazione complessiva di 1.163.257,66 euro.     

La Confartigianato, unitamente alle altre parti sociali costituenti l’EBAP, ha assunto precisi impegni per sostenere le migliaia di imprese artigiane travolte incolpevolmente dagli effetti della pandemia. Agli impegni sono seguiti subito fatti concreti che si stagliano netti nel mare di parole – spesso contrastanti – che davvero poco rassicurano il sistema produttivo artigiano, spina dorsale dell’economia nazionale.

Attraverso gli adeguati strumenti operativi della bilateralità artigiana partecipati anche da Confartigianato, come l’EBAP – Ente Bilaterale Artigianato Piemonte –   ed FSBA – il sistema di Cassa Integrazione nazionale specifica dell’artigianato – si intende sostenere con la massima fluidità il reddito delle migliaia di dipendenti posti in cassa integrazione.

Già il 10 marzo scorso, il pragmatismo e la vicinanza della nostra bilateralità artigiana piemontese si era manifestata con l’Accordo regionale EBAP dove si prevedevano specifici aiuti economici alle 18.000 imprese e ai 75.000 lavoratori che costituiscono il sistema artigiano regionale.

“In poche settimane – commenta Giorgio Felici, Presidente di Confartigianato Imprese Piemonte – siamo riusciti a far erogare importanti risorse alle imprese artigiane piemontesi in sofferenza a causa delle conseguenze dirette ed indirette dell’emergenza sanitaria Coronavirus. Una dimostrazione di aiuto e vicinanza concreta alle nostre imprese ed ai tanti nostri collaboratori che vivono oggi nello smarrimento e nell’incertezza. Come sempre, Confartigianato è al fianco delle imprese artigiane. Come ripetiamo incessantemente alla politica, imprenditori e dipendenti non devono essere lasciati soli ad affrontare gli effetti di questa catastrofica pandemia”.

Banner Gazzetta d'Alba