Busta con una polvere sospetta recapitata alla segreteria del presidente Alberto Cirio

Palazzo Regione Piemonte
Foto di repertorio

TORINO È scattato l’allarme, poco dopo mezzogiorno di venerdì 15 maggio, negli uffici della segreteria del presidente della Regione Alberto Cirio dopo che è stata aperta una busta contenente polvere biancastra e un foglio con scritta antrace. Sono intervenuti carabinieri e vigili del fuoco che stanno effettuando le attività per analizzare il contenuto sospetto e per mettere in sicurezza persone e ambienti.

Le reazioni di solidarietà e condanna

«Condanniamo con fermezza il vile atto subito questa mattina dal governatore Alberto Cirio e dalla sua segreteria e esprimiamo a tutti loro la nostra solidarietà», ad affermarlo in una nota è il capogruppo di Forza Italia Paolo Ruzzola, la sua vice Alessandra Biletta, il vicepresidente del Consiglio regionale Franco Graglia e il presidente della Prima commissione Carlo Riva Vercellotti. «Consapevoli che stiamo vivendo un momento estremamente difficile sia a livello sanitario sia a livello economico, non esiste alcuna giustificazione per atti intimidatori come quello avvenuto oggi. La violenza va perseguita con ogni mezzo possibile. E confidiamo che vengano assicurati alla giustizia coloro che hanno inviato questa lettera minatoria al presidente della Regione».

«Solidarietà al presidente Cirio per le squallide minacce ricevute. Un atto vile che, soprattutto in questa fase di assoluta delicatezza, rischia di rallentare o compromettere l’ottimo lavoro svolto finora dal governatore del Piemonte», a dirlo sono i deputati di Forza Italia Daniela Ruffino e Osvaldo Napoli. «Siamo certi che Cirio non si farà intimidire e proseguirà la sua attività con la caparbietà e la determinazione di sempre nell’esclusiva interesse dei piemontesi».

«A nome del gruppo del Partito democratico esprimo la più viva e profonda solidarietà al presidente Cirio al quale è stata indirizzata oggi una busta con la scritta antrace. La nostra condanna nei confronti di queste intimidazioni è netta. In momenti così difficili le Istituzioni e chi le rappresenta vanno difese da chi cerca di destabilizzarle» afferma il presidente del gruppo Pd in Consiglio regionale Domenico Ravetti.

Banner Gazzetta d'Alba