Uncem: 5 regole per un patto tra montagna e turisti

Giusto pagare i parcheggi, introiti miglioreranno i servizi

Uncem: 5 regole per un patto tra montagna e turisti

VADEMECUM Cinque raccomandazioni per un «patto sostenibile, duraturo, rispettoso ed efficace” tra la montagna e i turisti… Uncem, l’unione degli enti locali dei territori montani, scrive una sorta di vademecum per «turisti, sistema degli enti territoriali e operatori”.

Il primo consiglio è di «non andare a caso», ma «scegliere la destinazione prima di partire, consultando siti degli Enti locali o dei Consorzi di Operatori turistici” Il secondo riguarda gli sport e le attività outdoor: evitare «i percorsi troppo impegnativi, rispettare i propri limiti. Sono già troppi gli incidenti nelle località alpine e appenniniche».

Uncem, inoltre, che le regole anti-Covid riguardano anche queste attività.

Il terzo capitolo è per l’alimentazione: “non forzare le regole” quando si va al bar o al ristorante “e non disperdere i rifiuti dei pic-nic. Il quarto punto è l”invito a non considerare la montagna “un parco giochi” e neppure, «un luogo della wilderness con la natura che fa quel che vuole».

La quinta raccomandazione è di “comprare in valle, un segno di vicinanza al territorio stesso e un atto di sostegno all’economia locale” Alle 5 ‘regole’, Uncem aggiunge un’altra considerazione: «Non tutto può essere regalato Negli ultimi dieci anni, molti territori montani hanno sperimentato iniziative per dare un valore (con un minimo costo a carico dei fruitori) a pezzi di territorio che hanno particolare fruizione e tipo di accesso. Come paghiamo i parcheggi in città, possiamo introdurre alcune aree parcheggio a pagamento nelle aree montane, tariffa che si può azzerare mangiando in un bar o in un ristorante del paese. I proventi possono essere reinvestiti dagli Enti per una migliore promozione, per migliori servizi, per nuovi servizi».

(Ansa)

Banner Gazzetta d'Alba