Cento euro a ogni minorenne albese, le domande vanno inviate dal 20 luglio

Alla ricerca del bene comune  in una società frammentata con Francesco Belletti direttore Cisf

ALBA L’Amministrazione comunale di Alba lancia un’ulteriore misura per supportare le famiglie colpite dall’emergenza Covid-19. È il bonus una tantum di 100 euro per ciascun minore presente nel nucleo familiare. Una misura a sostegno delle famiglie con bambini che hanno dovuto sostenere, per un lungo periodo, maggiori e impreviste spese per i figli a carico, come acquisto di dispositivi di protezione individuale, prodotti per l’igienizzazione e sanificazione, strumenti e sistemi per l’adeguamento alla didattica a distanza (tablet e pc, dispositivi elettronici, connessioni internet, etc.), o di materiali per l’attività scolastica.

Il sindaco di Alba Carlo Bo spiega: «È una delle prime iniziative di aiuto ai cittadini a cui abbiamo pensato e siamo soddisfatti di poterla mettere in pratica ora per tutti i ragazzi che non hanno ancora raggiunto la maggiore età. Tra le risorse da distribuire a cittadini, attività commerciali, turismo, edifici scolastici e altro, non potevano mancare le famiglie. La chiusura delle scuole durante l’emergenza ha costretto molti genitori a fare i salti mortali tra la gestione dei bambini, le lezioni online, il lavoro, le spese impreviste e le maggiori difficoltà economiche».

«Per supportare le famiglie colpite dall’emergenza Covid-19 – spiega l’assessore ai servizi sociali Elisa Boschiazzo – negli ultimi mesi abbiamo messo in campo diverse iniziative per sostenere i nuclei più colpiti. Purtroppo, molti genitori hanno perso il lavoro e altri si sono ritrovati a sostenere spese impreviste, come l’acquisto di mascherine e igienizzanti e materiale telematico per permettere ai figli di seguire le lezioni da casa. Il bonus vuole essere un ulteriore sostegno alle diverse necessità sorte o aggravate dallo stato di perdurante crisi».

Le domande possono essere presentate dal 20 luglio al 30 ottobre 2020.

Alla data di presentazione della domanda, le famiglie devono possedere i seguenti requisiti:

  • residenza nel Comune di Alba;
  • presenza all’interno del nucleo di almeno un minore che, alla data di presentazione della domanda, non abbia compiuto il diciottesimo anno di età;
  • reddito complessivo del nucleo familiare risultante dai redditi 2018 non superiore a 50mila euro.

La domanda dev’essere sottoscritta da entrambi i genitori. In caso di affidamento esclusivo a un solo genitore, il contributo potrà essere richiesto dall’affidatario, dietro presentazione di apposita documentazione a comprova dello status.

Ciascun nucleo familiare potrà presentare, per tutti i minori ivi presenti, una sola domanda.

La domanda può essere presentata compilando l’apposito modulo reperibile sul sito del Comune di Alba (www.comune.alba.cn.it), dal 20 luglio, e allo sportello informazioni all’ingresso del Palazzo Comunale, in Piazza Risorgimento 1, durante l’orario di apertura al pubblico.

Il modulo compilato può essere presentato:

  • tramite e-mail all’ indirizzo Pec del Comune di Alba: comune.alba@cert.legalmail.it;
  • a mezzo posta ordinaria oppure a mano all’Ufficio protocollo del Comune di Alba, piazza Risorgimento 1. In questo caso è necessario richiedere un appuntamento chiamando il numero 0173-29.22.57.

In caso di invio tramite Pec, farà fede la data ricezione della domanda ed in caso di invio a mezzo posta ordinaria farà fede la data di spedizione.

I bonus saranno erogati tenendo conto esclusivamente dell’ordine di arrivo della domanda, senza la formazione di alcuna graduatoria o attribuzione di punteggi, in base ai requisiti sopra elencati fino all’esaurimento della somma massima stanziata di 430mila euro.

L’Amministrazione comunale provvederà a sottoporre i dati contenuti nella domanda di concessione del contributo a verifiche circa la loro regolarità.

Banner Gazzetta d'Alba