I visitatori non mancano: ad agosto 11.300 presenze contro le 12.600 dello scorso anno

I visitatori non mancano: ad agosto 11.300 presenze contro le 12.600 dello scorso anno
Piazza Ferrero, lo scorso agosto

ECONOMIA Tornano i turisti sulle colline di Langhe e Roero e gli operatori del settore, reduci da una primavera disastrosa dovuta al lockdown, incrociano le dita, sperando in un aumento contenuto dei contagi da Covid-19, per salvare la stagione più importante, quella della Fiera.

I visitatori non mancano: ad agosto 11.300 presenze contro le 12.600 dello scorso anno 1
Maria L’Episcopo, vicepresidente dell’ente turismo Langhe, Monferrato e Roero

Spiega il vicepresidente dell’ente turismo Langhe, Monferrato e Roero Maria L’Episcopo: «Avremo i dati di settembre tra alcune settimane, ma la sensazione, confrontandomi con gli addetti ai lavori, è che ci sia stata una grande ripresa del turismo nel nostro territorio, con un mese in linea con gli anni scorsi. Alcuni esercenti salutano con favore l’aumento dei visitatori europei, dovuto anche all’impossibilità di effettuare viaggi a lunga percorrenza, in aereo. Registriamo, inoltre, una nuova tendenza: i turisti, a differenza del passato, arrivano in auto e questo allunga il tempo di permanenza nelle strutture e porta a un incremento degli acquisti di cibo e vino».

L’Episcopo svela i numeri registrati ad agosto ad Alba: «Abbiamo contato in un mese 11.300 presenze contro le 12.600 del 2019, un calo lieve, che certifica la tendenza al ritorno dei nostri turisti».
L’Episcopo ha tra l’altro portato in Consiglio comunale, dove siede tra i banchi della Lega, alcune iniziative per l’accoglienza: «Ho promosso lo stop a biciclette e monopattini in via Maestra, che possono essere condotti a mano. È difficile conciliare il passaggio di questi mezzi con il flusso di persone e di clienti dei caffè con dehors presenti nella nostra via principale. Potremo così garantire maggiore tranquillità e sicurezza».

La vicepresidente dell’ente turismo ha anche lanciato la recente campagna per ridurre le colonie di colombi nel centro storico: «Si tratta di un serio problema sanitario e di decoro urbano. Per questo ringrazio gli assessori Bolla, Marcarino e Reggio per aver accolto le richieste, rendendole possibili. La necessità di avere una città pulita e sicura è una priorità sia per il cittadino che per il turista».
L’Episcopo anticipa poi l’avvio del bando per il miglioramento delle facciate: «Stiamo predisponendo una gara per il piano colore da parte di società che operano nella produzione di materiali per la tinteggiatura di esterni. Il progetto è un punto di forza e uno strumento importante per la salvaguardia dei fabbricati del centro storico».

La vicepresidente dell’Atl chiude con un appello: «Considerato che i negozi con le loro vetrine e le loro proposte sono presidi del territorio e che a partire dal 2008 – anno d’inizio di una crisi economica andata via via rafforzandosi, fino a sfociare nell’attuale pandemia – ritengo utile riflettere sulla necessità di calmierare i canoni di affitto dei locali commerciali: bisogna in primo luogo non aumentarli e ove possibile diminuirli, dando in tal modo maggior respiro al titolare dell’attività in un momento davvero complesso, durante il quale è necessario avere una visione lungimirante».

Marcello Pasquero

Banner Gazzetta d'Alba