Razzie nelle case del Canavese: arrestata banda responsabile di 33 furti

TORINO I comuni del canavese erano il loro terreno di caccia: fra febbraio e luglio, incuranti delle limitazioni alla mobilità imposte dal fermo generale, avevano messo a segno 33 furti in abitazione. Il modus operandi era consolidato: si introducevano nelle case forzando porte e finestre e le razziavano anche quando i proprietari si trovavano all’interno.

All’alba di oggi, giovedì 1° ottobre, per quattro uomini di origini albanesi componenti della banda, sono scattate le manette: le indagini, coordinate dalla Procura di Ivrea si erano sviluppate dopo l’arresto, in flagranza di reato, di uno dei ladri, lo scorso 22 febbraio; pochi mesi dopo, l’8 luglio, anche gli altri componenti del sodalizio erano stati fermati dopo aver svaligiato due case a Valperga. Le investigazioni dei Carabinieri della Compagnia di Venaria Reale hanno permesso di collegare la banda a tutti i furti messi a segno nell’area: cospicuo l’ammontare della refurtiva, quasi 27mila euro fra contanti e preziosi, sono stati rinvenuti durante la perquisizione delle loro abitazioni.

Davide Gallesio

Banner Gazzetta d'Alba