Nuove regole regionali per alberghi Covid e case di riposo

Covid: infermieri, pronti a incrociare braccia il 2 novembre

TORINO Il Piemonte aggiorna le sue regole per le strutture ricettive dedicate Covid, accanto alla distribuzione di test rapidi per uno screening capillare: obiettivo proteggere gli ospiti e il personale delle Rsa piemontesi nell’attuale fase di gestione dell’emergenza sanitaria.

La Giunta regionale, su proposta degli assessori al welfare, Chiara Caucino, e alla sanità, Luigi Genesio Icardi, ha approvato nuove linee guida per individuare strutture alberghiere, extra-alberghiere, socio-sanitarie, che possano accogliere in modo completamente dedicato pazienti asintomatici e con pochi sintomi colpiti dal virus. Le linee di indirizzo sono state formulate sulla base delle indicazioni degli esperti del Dirmei, il Dipartimento interaziendale malattie ed emergenze infettive.

La delibera prevede in particolare che siano individuate strutture totalmente dedicate ai pazienti Covid, con requisiti strutturali, gestionali e organizzativi inderogabili, controlli preventivi e modalità di selezione delle strutture particolarmente severi. Previste anche specifiche misure di continuità assistenziale.

Per quanto riguarda i pazienti dimessi dall’ospedale, che devono rientrare in struttura, è previsto un tampone negativo, poi 14 giorni di isolamento e, come ulteriore garanzia rispetto alle direttive nazionali, in Piemonte è previsto nuovamente un tampone negativo (con test rapido). Stesso iter per chi entra per la prima volta in una Rsa.

«La nuova delibera – sottolineano il presidente della Regione Alberto Cirio con gli assessori Caucino e Icardi – è frutto di un lungo percorso di monitoraggio che in questi mesi la Regione Piemonte con la direzione sanità e welfare ha svolto coinvolgendo la gran parte delle 800 strutture presenti sul territorio. Lavoro che, attraverso l’osservatorio permanente sulle Rsa e le cabine di regia provinciali, ha consentito di osservare e controllare con grande attenzione la situazione, pur in un contesto oggettivamente complesso. La sicurezza degli ospiti e dei dipendenti di tutte le nostre strutture è una assoluta priorità».

Attualmente tra i  40mila ospiti delle Rsa la percentuale di positivi è di circa l’8%.

La Regione Piemonte ha avviato un piano di screening capillare per le case di riposo del territorio fino a marzo 2021, che prevede in tutto 700mila tamponi rapidi per un monitoraggio ogni 15 giorni di tutte le strutture. Nelle prossime ore partirà il secondo invio di test rapidi indirizzato alle oltre 700 strutture del territorio.

A settembre sono stati effettuati nelle strutture del Piemonte 55mila tamponi molecolari, a ottobre 82mila.

«La realizzazione di un’unica piattaforma in cui giornalmente è possibile verificare la condizione di tutte le strutture per anziani e non del Piemonte si sta verificando come il più utile strumento per il monitoraggio e il sostegno nelle situazioni di difficoltà»,  aggiungono il presidente e gli assessori.

Per aiutare le strutture in difficoltà con il personale, la Regione negli ultimi giorni ha anche pubblicato una manifestazione d’interesse alla quale hanno aderito 300 operatori socio sanitari e altri profili professionali che potranno essere utilizzati dalle Asl e dalle strutture presenti sul territorio per colmare le lacune di organico che si sono manifestate nella fase 1 della pandemia.

Banner Gazzetta d'Alba