A Roddino il volontariato ha fatto risparmiare 60mila euro al Comune

A Roddino il volontariato vale 60mila euro 1
Il Municipio di Roddino, comune che ha sconfitto Mondovì, una delle "sette sorelle" della Granda.

RODDINO In paese sono attivi numerosi volontari ed è anche grazie a loro se negli ultimi mesi sono state apportate migliorie sia nel concentrico che nelle zone periferiche. I volontari si sono occupati della potatura degli alberi e di vari interventi di sfalcio, giardinaggio e sistemazione di aree verdi, della realizzazione e collocazione di nuovi arredi urbani e della manutenzione di quelli esistenti, di verniciature e pulizie e della riorganizzazione dei locali dell’ex ambulatorio medico. Nelle aree periferiche si è provveduto alla pulizia e sistemazione dell’area adiacente la cappella campestre di Santa Margherita, all’eventuale riparazione dei pannelli turistici presso la chiesetta di Santa Maria, a interventi di pulizia e cura dell’area picnic nella zona del cimitero e alla manutenzione della croce. Sempre grazie all’aiuto dei volontari, sono stati sistemati nuovi bidoni per la differenziata.

Con l’emergenza sanitaria, il volontariato si è rivelato una risorsa fondamentale. Sono diminuite le ore legate alle manifestazioni e alla cultura, ma sono aumentate quelle legate allo stato di necessità. Un’analisi effettuata dall’Amministrazione rivela come a Roddino il volontariato incida in termini lavorativi come due persone impiegate a tempo pieno; in termini economici significa 60mila euro all’anno. L’Amministrazione ringrazia tutti coloro che hanno collaborato, in particolare la Protezione civile e la Pro loco, ma anche i tanti roddinesi che hanno offerto il loro tempo e le loro competenze gratuitamente per la comunità, mettendo a disposizione anche attrezzature proprie. Un ringraziamento va inoltre alle associazioni che hanno fatto offerte e donazioni, utilizzate per complementi d’arredo e libri a beneficio dei locali comunali e della biblioteca civica.

Elisa Pira

Banner Gazzetta d'Alba