Castellinaldo: il versante instabile sarà consolidato dopo anni di attesa

Castellinaldo: il versante instabile sarà consolidato dopo anni di attesa

CASTELLINALDO «Ci sono voluti quasi dodici anni, ma finalmente siamo riusciti a portare a casa un risultato storico. Sono davvero soddisfatto e contento di poter dare questa buona notizia prima del termine del mio mandato». Questo è stato il commento del sindaco di Castellinaldo Giovanni Molino, quando è arrivata la comunicazione ufficiale, da parte del Ministero dell’interno, che il grande progetto di consolidamento del versante a valle del centro storico del paese sarebbe stato interamente finanziato.

Continua Molino: «Era aprile del 2009 quando, dopo un periodo di piogge particolarmente intense, la parete che sostiene il castello e via Marconi, sopra Valle Biegio, è stata interessata da diversi smottamenti che hanno portato la Provincia a dichiararla, l’anno successivo, instabile e da mettere in sicurezza. Preparammo subito un progetto per predisporre la messa in sicurezza del sito. Da allora l’ammontare previsto dell’intervento, quasi un milione di euro, è stato inserito tutti gli anni in bilancio in attesa di essere finanziato». Finalmente, e inaspettatamente, è stata premiata la costanza dell’Amministrazione, visto che il progetto è rientrato tra quelli di messa in sicurezza del territorio che lo Stato finanzierà nel 2021. La somma ammonta a 975mila euro e permette la copertura totale delle spese che sono state previste.

Prosegue il primo cittadino: «Si tratta di una cifra davvero importante, sicuramente tra le più alte che il Comune abbia mai dovuto gestire. D’altro canto si tratta di un’opera di proporzioni considerevoli. A partire dal fondovalle verrà costruita una serie di gradoni in terra armata, ossia terreno di riempimento con rinforzi e armature, alti tre metri, che saliranno fino al livello di via Marconi, la strada che collega la parte alta e quella bassa del paese. Verranno movimentate centinaia di metri cubi di terra e le terrazze che si creeranno saranno abbellite e piantumate per ottimizzare l’intervento anche dal punto di vista estetico e ambientale».

L’Amministrazione comunale dovrebbe fare partire la gara d’appalto entro ottobre. Nel frattempo sta lavorando a possibili variazioni sulla viabilità del paese per ridurre al minimo i disagi per i residenti durante i cantieri. I lavori richiederanno dai 9 ai 12 mesi per essere terminati.

Andrea Audisio

Banner Gazzetta d'Alba