Il Piemonte vuole introdurre un elenco professionale per i dog sitter

 1
Foto di repertorio

REGIONE PIEMONTE Quello del dog sitter sta diventando un ruolo sempre più qualificato, ed è per questo che il consigliere regionale Paolo Ruzzola (Forza Italia) ha presentato il progetto di legge che prevede l’istituzione di un elenco professionale. I quattro articoli del testo sono stati licenziati a maggioranza dalla terza Commissione, presieduta da Claudio Leone, e definiscono la figura del dog sitter attraverso competenze acquisite in corsi di formazione specifici.

«Lo scopo dell’elenco regionale è di offrire ai proprietari di animali da compagnia i nominativi dei soggetti professionalmente e debitamente formati, che in Italia si stima siano circa 54mila» ha spiegato Ruzzola.

Il nostro Paese è al secondo posto in Europa per il possesso di animali da compagnia. Secondo un rapporto del Censis del 2019, in Italia gli animali domestici sono circa 32 milioni, di cui 7 milioni sono cani e 7,5 milioni gatti. Un altro dato è rilevato dall’Anmvi (Associazione nazionale medici veterinari italiani), che ha evidenziato come i proprietari over 65 siano saliti dal 21% a quasi il 24% del totale negli ultimi sette anni, facendo emergere anche l’importante ruolo sociale degli animali nel compensare la solitudine. Esiste poi il comparto economico dedicato, che viene stimato in 5 miliardi di euro, con un tasso di crescita del 12% negli ultimi tre anni e le voci principali nelle spese per il veterinario e il settore del pet food.

 

Banner Gazzetta d'Alba