Sobrero pronto per il Giro d’Italia: «Per la classifica c’è Vlasov, io spero di mettermi in evidenza»

Sobrero pronto per il Giro: «Per la classifica c'è Vlasov, io spero di mettermi in evidenza» 3
Matteo Sobrero è alla seconda stagione tra i professionisti.

CICLISMO Il langarolo Matteo Sobrero (Astana Premier Tech) è pronto per la sua seconda esperienza al Giro d’Italia. Anche quest’anno la corsa rosa passerà quasi sotto casa per il corridore di Montelupo Albese, con la tappa di lunedì 10 da Biella a Canale che attraverserà le Langhe da Castino a Manera prima di passare da Alba. «Sono strade che conosco benissimo perché le percorro spesso in allenamento, ma non le ho mai fatte in corsa», afferma Sobrero, che sarà tra gli scudieri del russo Alexandr Vlasov (già suo compagno di squadra per un anno nell’Under 23 alla Viris Vigevano), uno dei corridori più accreditati per la vittoria finale. Sobrero e la squadra, dopo il Tour of the Alps, hanno rifinito la preparazione in altura, a Cervinia. «Abbiamo fatto un buon lavoro», ha detto il langarolo nei giorni scorsi, confermando che alla corsa rosa il leader della squadra sarà Vlasov. «Per la classifica puntiamo su di lui. Ha finito il Tour of the Alps in crescendo, piazzandosi terzo. Siamo ottimisti sul fatto che possa fare un buon risultato. Se lui va bene dà morale anche alla squadra e ci stimola a dare il 110 per cento. Per quanto mi riguarda, se ne avrò l’opportunità, spero di mettermi in evidenza entrando in qualche fuga».

A proposito della frazione di Canale, Sobrero afferma: «È una tappa nervosa nel finale, ma se i velocisti tengono potrebbe essere un arrivo per ruote veloci, a meno che non parta una fuga da lontano. Sono i primi giorni di corsa e nessuno, tra i corridori di classifica, vorrà perdere terreno».

Al Giro d’Italia numero 104 l’Astana Premier Tech, oltre al capitano Aleksandr Vlasov (secondo alla Parigi-Nizza e terzo al Tour of the Alps quest’anno), punterà sull’esperienza degli spagnoli Luis Leon Sanchez e Gorka Izagirre, sul colombiano Harold Tejada, sul kazako Vadim Pronskiy e sugli italiani Fabio Felline, Matteo Sobrero e Samuele Battistella.

Le ambizioni della formazione kazako-canadese sono confermate anche dalle dichiarazioni del direttore sportivo Giuseppe Martinelli riportate sul sito ufficiale del team: «La squadra è pronta a dare il miglior supporto possibile a Vlasov, che è uno dei favoriti del Giro. La classifica generale è l’obiettivo principale, ma abbiamo anche corridori in grado di puntare a vincere una tappa, come Sanchez e Izagirre, o Felline e Battistella che possono imporsi in uno sprint a ranghi ridotti, mentre Sobrero ha già fatto vedere il suo potenziale nelle tappe a cronometro. Ci aspettiamo da lui un buon inizio a Torino».

Corrado Olocco

Banner Gazzetta d'Alba