Alba: emergenza Coronavirus – aggiornamento venerdì 2 luglio

Alba: emergenza Coronavirus – aggiornamento venerdì 2 luglio

COVID ALBA Ad Alba i residenti attualmente positivi al Coronavirus sono 6 di cui 1 ricoverato. I decessi di persone affette da Covid-19 da inizio pandemia sono 72. I guariti da inizio pandemia sono 1348.

I dati si riferiscono alla piattaforma Covid-19 a cui hanno accesso i Comuni realizzata dal Csi per la Regione Piemonte.

«La campagna vaccinale procede a pieno ritmo – afferma il sindaco Carlo Bo -. Ad oggi sono 144.464 le dosi somministrate nel territorio dell’Asl Cn2 e 48.552 le persone che hanno ricevuto la seconda dose. All’ospedale Ferrero di Verduno i ricoveri Covid sono circoscritti, 5 tra cui anche un albese, a fronte di 182 ricoveri ordinari, segno che il nosocomio ormai da diverse settimane ha ripreso la sua normale operatività».

Il Piemonte è in “zona bianca”

Spostamenti
A chi si trova in zona bianca sono consentiti i seguenti spostamenti:
– senza limiti relativi agli orari o ai motivi dello spostamento, verso altre località della zona bianca e della zona gialla;
– senza limiti di orario, verso tutto il territorio nazionale, se lo spostamento avviene per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute;
– verso tutto il territorio nazionale, se la persona che si sposta è in possesso di una “certificazione verde COVID-19” valida, nel rispetto delle eventuali restrizioni di orario previste per gli spostamenti nella zona di destinazione. È sempre consentito, nel rispetto delle eventuali restrizioni di orario delle zone da e verso le quali ci si muove, il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Mascherine
In zona bianca, come su tutto il territorio nazionale, anche dopo il 28 giugno 2021 è obbligatorio avere sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie. In zona bianca, i dispositivi di protezione delle vie respiratorie (meglio conosciuti come mascherine) devono essere obbligatoriamente indossati quando si è al chiuso in luoghi diversi dalla propria abitazione, compresi i mezzi di trasporto pubblico (aerei, treni, autobus), tranne quando si è in presenza soltanto di persone conviventi.
Devono inoltre essere obbligatoriamente indossati all’aperto:
– in tutte le situazioni in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale o siano possibili assembramenti o affollamenti (per esempio quando si è in coda o ci si trova in un mercato o in una fiera);
– negli spazi all’aperto delle strutture sanitarie;
– in presenza di persone delle quali si conosca una alterata funzionalità del sistema immunitario.
L’obbligo non è comunque previsto per:
– bambini sotto i 6 anni di età;
– persone che, per la loro invalidità o patologia, non possono indossare la mascherina;
– operatori o persone che, per assistere una persona esente dall’obbligo, non possono a loro volta indossare la mascherina (per esempio: chi debba interloquire nella L.I.S. con persona non udente).
Inoltre, non è obbligatorio indossare la mascherina, sia all’aperto che al chiuso:
– mentre si effettua l’attività sportiva;
– mentre si mangia o si beve, nei luoghi e negli orari in cui è consentito;
– quando si sta da soli o esclusivamente con i propri conviventi.

Per quanto riguarda lo svolgimento dell’attività lavorativa e delle attività scolastiche, la mascherina è obbligatoria nelle situazioni previste dagli specifici protocolli di settore.

È comunque fortemente raccomandato l’uso delle mascherine anche all’interno delle abitazioni private, in presenza di persone non conviventi.

È possibile contattare il Dipartimento di prevenzione dell’Asl Cn2 telefonando allo 0173/316619 o scrivendo una mail a dipp.alba@aslcn2.it.

Banner Gazzetta d'Alba