Venduti oltre 8mila voucher vacanze. Tutto esaurito nella zona dei laghi, nell’Astigiano e nel Monferrato

Dal Food & wine tourism forum sono emersi dati e riflessioni interessanti

TURISMO Dal 15 luglio, quando è ripartita la vendita dei voucher vacanza, gli albergatori piemontesi hanno staccato 8.143 tagliandi con una media di 177 al giorno raggiungendo quota 48mila da giugno 2020: sono andati a ruba quelli della zona dei laghi (alto Piemonte) già esauriti, disponibilità agli sgoccioli nel Monferrato e a Sauze, mentre è più generosa la scelta nelle altre zone del Piemonte (Biella, Valli di Lanzo e Susa, Valle Maira, Bardonecchia, Canavese e piccole strutture ricettive delle Langhe e Monferrato). Sono stati acquistati non solo voucher camere, ma anche servizi (circa mille) con noleggio bike, escursioni e attività outdoor tra le più richieste.

Sul numero di Gazzetta d’Alba in edicola martedì 31 agosto ampio spazio all’andamento della stagione turistica nella nostra zona

I buoni vacanza prevedono di trascorrere tre notti in una struttura ricettiva piemontese al prezzo di una (la seconda pagata dall’albergatore e la terza dalla Regione) e saranno acquistabili fino al 31 dicembre 2021 e spendibili entro il 30 giugno 2022. Mediamente i pacchetti venduti fino a ora comprendono 2 persone per un totale di 96mila arrivi in più e 288mila pernottamenti. L’iniziativa è stata finanziata, fino ad ora, con 6,5 milioni dopo i 5 assegnati tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021.

Il turismo è in ripresa secondo l’assessore alla cultura turismo e commercio Vittoria Poggio: l’estate 2021 ha visto il ritorno degli stranieri, olandesi, scandinavi e francesi in primis. Prenotazioni per l’autunno e per la primavera 2022 che fanno ben sperare.

Secondo il presidente dei consorzi turistici del Piemonte, dopo il successo del 2020 non era scontato vendere tanti voucher in così poco tempo, e dunque ancora una volta pubblico e privato hanno dimostrato di riuscire a dare risultati concreti in tempi rapidi, la Federazione dei consorzi sarà sempre più uno strumento operativo, propositivo e strategico agriturismi e B&b in collina e montagna hanno fatto registrare spesso il tutto esaurito e nelle città sono tornati a vedersi gruppi di viaggiatori che scoprono le nostre bellezze.

Poggio ha sottolineato come nonostante le incertezze inizia a esserci ottimismo e un tentativo di ritorno alla normalità; ora è il momento di accelerare e investire di nuovo sulla comunicazione internazionale. Già ad ottobre confidiamo di arrivare a siglare un patto proposto dai consorzi turistici, con tour operator, agenzie di viaggio e Regione Piemonte che ci permetterà di affrontare già la primavera prossima con più serenità.

Per beneficiare degli sconti basta accadere alla piattaforma di Visitpiemonte alla pagina La nostra ospitalità è autentica (https://www.visitpiemonte.com/it/evidenza/la-nostra-ospitalita-e-autentica). Si riconferma così il successo dell’azione voluta da Regione Piemonte e supportata dai consorzi turistici per il rilancio delle attività in Piemonte con le colline e i laghi verso l’esaurimento dei ticket a disposizione.

Banner Gazzetta d'Alba