Bartolomeo Biolatti è il nuovo rettore dell’Università di Pollenzo

Bartolomeo Biolatti è il nuovo rettore dell’Università di Pollenzo
Il nuovo rettore dell'Università di Scienze Gastronomiche, Bartolomeo Biolatti.

POLLENZO Bartolomeo Biolatti, professore di Patologia generale e Anatomia patologica veterinaria all’Università degli Studi di Torino, è stato nominato rettore dell’Università di Scienze Gastronomiche. «Ringrazio il consiglio di amministrazione dell’Unisg per la fiducia accordata ed è con grande spirito di servizio che mi accingo a rivestire questo prestigioso incarico. Dedicherò tutto il mio impegno a guidare l’Ateneo di Pollenzo nei prossimi tre anni» ha dichiarato dopo la decisione presa oggi, mercoledì primo settembre.

Così è proseguito il suo discorso di insediamento: «L’Unisg, che oggi entra nel suo diciottesimo anno accademico, ha avuto un grande e costante sviluppo nel corso del tempo. La sua immagine si è imposta in tutto il mondo grazie a una visione innovativa della missione dell’università e ai suoi valori di riferimento, fra cui la sostenibilità, la biodiversità culturale e biologica, la protezione dell’ambiente, la giustizia sociale, la sovranità alimentare, l’economia circolare, la qualità, salubrità e bellezza del cibo. L’approccio didattico interdisciplinare allo studio delle Scienze Gastronomiche ha consentito di formare specialisti della filiera alimentare e della cultura del cibo fortemente richiesti dal mercato del lavoro. Il programma, unico al mondo e previsto per tutti i corsi, dei numerosi viaggi didattici in ogni angolo del pianeta, offre agli studenti la possibilità di sperimentare e verificare sul campo i diversi approcci culturali alla gastronomia. Inoltre, la collaborazione con Slow food e Terra madre, l’attenta gestione degli organi di governo e del presidente Carlo Petrini, nonché dei Rettori che mi hanno preceduto, il ruolo dell’associazione Amici di Unisg, dei partner strategici e dei soci sostenitori, l’impegno e la dedizione del personale tutto, docenti e personale tecnico amministrativo, hanno reso il piccolo borgo di Pollenzo, con la sua Università, un luogo speciale e attrattivo a livello internazionale».

«Aumenteremo nei prossimi anni l’offerta didattica»

Conclude Biolatti: «Nei prossimi anni aumenteremo l’offerta didattica e potenzieremo la ricerca anche attraverso nuove e più stringenti collaborazioni con il sistema universitario piemontese, nazionale e internazionale. Attiveremo un nuovo ciclo di dottorato di ricerca interateneo in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino sui temi del cibo nelle scienze umane, naturali e della vita. I viaggi didattici continueranno ad avere un ruolo centrale in tutti i percorsi formativi di Unisg. Continuerà e sarà potenziato il rapporto speciale con Slow food e Terra madre, sia quali fonti di ispirazione per futuri progetti di ricerca sia quali elementi di collegamento con le comunità locali di tutto il mondo e con le loro conoscenze e culture alimentari da studiare e preservare».

Banner Gazzetta d'Alba