È mancato ieri, domenica 27 febbraio, Maurizio Cossa, pronipote di Cesare Pavese

È mancato ieri, domenica 27 febbraio, Maurizio Cossa, pronipote di Cesare Pavese

TORINO L’avvocato Maurizio Cossa è scomparso ieri, domenica 27 febbraio, all’età di 65 anni. Era figlio di Maria Luisa Sini, adorata nipotina dello scrittore Cesare Pavese. Grande appassionato di arte e cultura, era membro del Consiglio di amministrazione della fondazione Cesare Pavese di Santo Stefano Belbo. Sui social l’associazione santostefanese lo ha ricordato così: «Caro Maurizio, vogliamo ricordarti con la passione e la dedizione che hai sempre dimostrato per la fondazione Cesare Pavese e con la grande disponibilità manifestata sempre a tutti noi, fin dall’inizio ma soprattutto fino alla fine. Grazie! Continua a seguirci da lassù».

Nell’intervento Un marziano a Torino, presente nel saggio Cesare Pavese. Vita colline libri di Franco Vaccaneo raccontava così il rapporto con l’intellettuale: «Ho conosciuto la figura di Cesare Pavese solo attraverso le parole pudiche di Maria, mia nonna e sorella dello scrittore, e di mia madre e di mia zia Cesarina che avevano diviso per tanti anni la vita con lui. Cosa c’entrava il grande intellettuale Pavese (in famiglia lo abbiamo sempre chiamato così, col cognome) con quella donna così diversa, tipico esempio della modesta sobrietà della piccola borghesia piemontese? E con la famigliola di lei, le bimbe che diventavano adolescenti, il cognato impiegato comunale, fascista per quieto vivere? Credo che vi fosse un profondo rispetto reciproco, pur nella diversità. Il rispetto per valori condivisi di sobrietà, modestia nell’apparire, onestà».

Lo piangono con tanto affetto la moglie Roberta, l’adorato figlio Filippo con Anna, la mamma Maria Luisa, la sorella Lauretta con Roberto, Andrea e Ludovica, i cognati Alfredina e Massimo con Stefano e Mara. Il funerale si terrà mercoledì 2 marzo alle 14 presso la Casa funeraria di via Sestriere 21 a Torino, proseguendo per il Tempio crematorio del Cimitero monumentale.

Lorenzo Germano

Banner Gazzetta d'Alba