Situazione epidemiologica: in Piemonte i valori più bassi d’Italia

Covid: 2.464 nuovi casi in Piemonte, positività all'8,6%

COVID I valori relativi alla situazione epidemiologica in Piemonte sono tra i più bassi d’Italia, secondo gli ultimi dati trasmessi dalla Regione. Dopo l’aumento dei contagi di luglio, nella settimana dal primo al 7 agosto, l’incidenza registrata è di 351,3 casi ogni 100mila abitanti. Il dato, il più basso insieme alla Lombardia, è nettamente inferiore rispetto al valore nazionale (448,6).
L’8 agosto i posti letto ordinari occupati erano metà rispetto a quelli nazionali, cioè il 7,2 per cento. Stesso discorso vale per le terapie intensive, occupate per l’1,9 per cento. Mentre la positività risultante dai tamponi era del 7,7.

Nella prima settimana del mese anche nella provincia Granda si è assistito a una diminuzione dei contagi registrando un meno 19,8 per certo (-440). I casi dichiarati nella provincia negli ultimi sette giorni sono 1783 con una media giornaliera di 255 nuovi positivi. A essere colpita è soprattutto la fascia d’età tra i 60 e i 69 anni che tuttavia ha subito un’importante diminuzione rispetto ai dati dell’inizio dello scorso mese.

In tutto il Piemonte continua anche la campagna vaccinale con oltre 360mila quarte dosi somministrate a coloro che hanno già maturato i tempi necessari: immunocompromessi, over 80, ospiti rsa, fragili over 60 con patologie specifiche, over 60 e fragili over 12. La regione si posiziona così in testa alla classifica nazionale. Solo nelle farmacie, dal 26 aprile, sono state eseguite circa 13mila quarte dosi e le prenotazioni sono circa 2.900.

In provincia di Cuneo, dai dati diffusi da Arpa relativamente agli esiti delle analisi delle acque reflue svolte su campioni prelevati il primo agosto, sarebbe dominante la variante Omicron5 e presenti alcune sue mutazioni, ma si continuano a rilevare anche mutazioni specifiche di Omicron4. Le analisi continueranno nelle prossime settimane nei laboratori di virologia ambientale per monitorare l’evolversi della situazione. Particolare attenzione sarà posta verso le nuove sottovarianti di Omicron che non sono state rilevate nei depuratori questa settimana.

Elisa Rossanino

Banner Gazzetta d'Alba