Ultime notizie

Teatro ed enogastronomia nel prossimo fine settimana a Calosso

A Calosso un week-end ricco di iniziative al castello e nel centro storico

CALOSSO Sabato 18 marzo, alle 21, presso il teatro comunale, andrà in scena lo spettacolo Ma che leggero umorismo, breve viaggio nel più bell’umorismo di tutti i tempi, con Mario Nosengo, Serena Schillaci e, al flauto, Simona Scarrone. Uno spettacolo-recital dedicato al teatro brillante e al sano e indistruttibile umorismo, quell’umorismo fatto di situazioni nunsense, di battute folgoranti e mai volgari, condito sempre da una spiazzante e intelligentissima ironia.
L’umorista per eccellenza è stato Achille Campanile. Il suo gusto per i giochi di parole e il clima surreale molto amato caratterizzano le opere teatrali Tragedie in due battute e L’amore fa fare questo e altro. Le opere di Achille Campanile portarono, con il loro humour colto, dissacrante e un po’ surreale, il sorriso a un raffinato pubblico, non solo teatrale, in uno dei periodi più difficile del nostro Paese: fra le due guerre e negli anni dopo la seconda guerra mondiale.
Spiega Nosengo: «Non ci occuperemo solo di Achille Campanile, ma di autori come Molière che, con Il misantropo, stigmatizza i vizi dell’aristocrazia del tempo e mette in scena anche i problemi dell’animo di ogni uomo, un monologo al femminile che umorizza su questi temi. Poi Woody Allen con i suoi aforismi più belli, per finire con grandi autori radiotelevisivi e teatrali come Amurri e Jurghens». In questi tempi, in cui la risata è sempre più spesso un atto di grossolana superficialità o di volgare scherno, se non addirittura d’offesa, pare si sia davvero persa la capacità di ridere. E soprattutto di ridere in modo intelligente.
L’ingresso è gratuito con offerta libera e, dopo lo spettacolo, seguirà un piccolo rinfresco offerto dal Comune, in collaborazione con le associazioni di Calosso.

Domenica 19 marzo, dalle 12, in piazzetta Don Monticone, si rinnoverà il tradizionale polentone cucinato dai volontari della Pro loco di Calosso, che sarà servito a tutti gratuitamente, anche da asporto, con i suoi tradizionali condimenti: spezzatino, salsiccia, uova sode e, per finire, le bugie, il tutto accompagnato con il vino Barbera. La distribuzione della polenta sarà l’occasione per raccogliere offerte a favore dell’emergenza umanitaria dopo il terremoto che ha colpito la Turchia e la Siria. Dalle 15.30, pomeriggio dei bambini con trucca-bimbi e giochi.

Fabio Gallina

Banner Gazzetta d'Alba