Arrestato uno dei due rapinatori della tabaccheria di Canove di Govone

Nuova rapina alla tabaccheria di Canove di Govone

CRONACA Un uomo è stato arrestato in flagranza di reato al termine della seconda rapina perpetrata, in soli sette giorni, ai danni della tabaccheria Rava di Canove di Govone ma, per esigenze legate alle indagini, la notizia è stata diffusa solo adesso dagli inquirenti.

Si tratta di A.D., un pregiudicato napoletano per reati di spaccio di stupefacenti, pendolare del crimine, e fratello di un altro malvivente, in carcere per un duplice omicidio di camorra commesso il 22 aprile 2016.

Il consistente dispiegamento di militari, coordinato dalla Compagnia dei Carabinieri di Alba agli ordini del capitano Giacomo Conte dopo che erano state rapinate, nei giorni precedenti la farmacia di Magliano e la stessa tabaccheria a Canove di Govone  ha permesso di fermare la fuga di uno dei due rapinatori.

Il servizio aveva visto impiegati decine di pattuglie dei carabinieri che hanno sorvegliato i comuni colpiti dai rapinatori e quelli limitrofi, soprattutto i piccoli esercizi commerciali in orario di chiusura. A questa attività gli investigatori hanno aggiunto una serie di controlli investigativi, appostamenti e ricostruzione dei fatti reato attraverso tutte le telecamere pubbliche e private dei paesi d’interesse.

Il bottino di circa duemila euro è stato recuperato e nell’auto usata per la fuga è stato trovato il coltello utilizzato per la rapina. L’uomo, attualmente detenuto presso la casa circondariale di Asti, è stato interrogato dall’autorità giudiziaria competente ammettendo l’esecuzione dell’ultima rapina in tabaccheria ma non le due precedenti, che rimangono ancora al vaglio dei Carabinieri albesi.

v.p.

 

Banner Gazzetta d'Alba