Se il turismo si muove in e-bike tra le rocche del Roero

Se il turismo si muove in e-bike tra le rocche del Roero 3

ITINERARI VERDI C’è grande fermento per le e-bike nel Roero. «È un mondo che stiamo imparando a conoscere», spiega Olga Scarsi dell’Ecomuseo delle rocche.

Ormai quasi al termine della stagione più vocata al turismo verde, nella sinistra Tanaro si fa il punto sul settore, nel quale si è investito molto, in questi ultimi anni, sia in termini di manutenzione dei sentieri, di creazione di aree di sosta con colonnine di ricarica per le bici elettriche, come pure nell’animazione turistica, prevedendo, ad esempio, molti Notturni nelle rocche, i trekking guidati e arricchiti da animazioni teatrali, lungo percorsi fruibili anche in mountain bike. «Il fenomeno è in espansione», certifica Olga Scarsi dall’Ecomuseo, sottolineando: «Stiamo organizzando numerosi educational tour per operatori turistici e per giornalisti stranieri, con l’ente Turismo, proprio in e-bike, perché questa permette di assaporare la bellezza dei sentieri anche a chi non è allenato».

Se il turismo si muove in e-bike tra le rocche del Roero 2

Educational tour per giornalisti da Magliano a Guarene

Uno di questi tour, al quale parteciperanno giornalisti di tutta Europa, si concluderà proprio sabato 28 ottobre, con una merenda bio alla Greeneria di Guarene, struttura ricettivo-educativa che si è già fatta promotrice di varie iniziative a favore della mobilità elettrica, come l’ecotour del giugno scorso tra le colline tutelate dall’Unesco con tappa finale a Torino, che si ripeterà dal 20 al 22 aprile 2018, durante Vinum.

«Chi pernotta in agriturismi e bed&breakfast chiede sempre più spesso di avere a disposizione bici elettriche», afferma Andrea Gandiglio, che, per assolvere a tale esigenza, ha dotato la Greeneria di colonnine di ricarica e ha attivato sinergie dalle Langhe al Monferrato con specialisti del settore e-bike.

Se il turismo si muove in e-bike tra le rocche del Roero 1

E se quantificare le presenze non è possibile, poiché ai viottoli nei boschi si accede senza biglietto, la vendita delle cartine rappresenta un indicatore valido.
«Vendiamo molte mappe sia nei punti convenzionati sia in sede», sottolinea Olga Scarsi. «All’ente Turismo di Alba ne forniamo centinaia ogni anno e vengono tutte acquistate. L’affluenza di turisti è costante da primavera all’autunno, con picchi nei fine settimana. E le escursioni organizzate contano, in media, 70 iscritti ogni volta».

A Borbore il noleggio è in crescita

«Abbiamo notato una grande crescita di turisti e di persone del territorio, che desiderano vivere i sentieri in bici», racconta Fabio Rista della ferramenta di Borbore, dove da alcuni mesi si possono prenotare mountain bike elettriche a prezzi convenienti. «Grazie alla mappatura degli itinerari e alla geolocalizzazione offerta dall’Ecomuseo», continua Rista, «è facile orientarsi e avere informazioni sui percorsi scelti».

Se il turismo si muove in e-bike tra le rocche del Roero
Tra le pagine più cliccate del sito dell’Ecomuseo delle rocche, infatti, ci sono quelle da cui si possono scaricare gratuitamente dati altimetrici e tecnici dei sentieri, schede descrittive e tracce Gps. Un ulteriore impulso al turismo verde lo sta offrendo l’App gratuita Izi.Travel, attraverso la quale si può accedere a una vasta antologia di audioguide, in italiano e inglese, che narrano curiosità e aneddoti (ben 81 nel Roero) legati ai punti di maggior interesse.

Banner Gazzetta d'Alba