Ragazzi dal cuore grande vendono le arance per aiutare l’Operazione Mato grosso

Ragazzi dal cuore grande vendono le arance per aiutare l'Operazione Mato grosso

SOLIDARIETà  Sono diversi per formazione scolastica, provenienza geografica, origini, età (vanno dai 16 ai 30 anni) ma sono accomunati dall’identico desiderio di fare del bene.

Sono i ragazzi dell’Operazione Mato grosso, che domenica 28 gennaio, saranno davanti alle chiese parrocchiali di Canale, Neive, Montà e Govone per vendere le arance che hanno raccolto in Calabria nei primi giorni di gennaio. Le arance saranno proposte in sacchi da 4 kg, per i quali si potrà lasciare un’offerta libera.

Elena, ostetrica, 24 anni, è appena tornata da un anno in missione in Perù. Gabriele, informatico di 23, sta per partire. Sono di Asti e si sono avvicinati all’Operazione Mato grosso quando erano al penultimo anno delle superiori. Hanno incontrato i liceali albesi a dicembre, facendo breccia al Liceo Da Vinci: un gruppetto di studentesse li ha seguiti in Calabria a gennaio e li ha aiutati a vendere le arance davanti alle parrocchie albesi nelle scorse settimane.

«Anni fa il gruppo albese era molto attivo, poi tutti i ragazzi che vi appartenevano sono andati in missione e si sono fermati là, tra Brasile, Ecuador, Perù e Bolivia», raccontano Elena e Gabriele. «Ora speriamo di coinvolgere altri giovani: c’è tanto bisogno di aiuto e ognuno di noi può fare qualcosa».

Quanto ricavato dalla vendita delle arance verrà  consegnato ai padri missionari in America latina e servirà anche per pagare la spedizione dei container di derrate alimentari che verranno raccolte durante il fine settimana del 10 e 11 marzo. In quel week end i volontari dell’Operazione Mato grosso, riconoscibili grazie a magliette o pettorine identificative,  busseranno alle porte, chiedendo pasta, riso, zucchero, farina, scatolame vario, olio in lattine e alimenti per bambini, che poi porteranno alla parrocchia di San Giovanni ad Alba, dove allestiranno un centro di raccolta viveri e imballeranno quanto donato.

Banner Gazzetta d'Alba