Via ai cantieri pubblici: 8 milioni per interventi

Via ai cantieri pubblici: 8 milioni per interventi

DAL COMUNE È tempo di lavori, edificazioni, ristrutturazioni. Le risorse pubbliche convergono in opere, in una città che cresce, pur mancando ancora d’importanti servizi dal punto di vista della viabilità, del sociale, della sanità. Tra fine primavera ed estate – promettono dal Comune – ruspe e betoniere avranno moto perpetuo. La lista comincia con i lavori – dal valore complessivo di 329mila euro – di ripristino degli asfalti dei corsi Piave, Enotria, Italia, Coppino (controviale), delle vie Puccini e San Paolo, delle strade Bricco capre e di Mezzo e di molte porzioni del centro, dove s’interverrà sul porfido a tratti sconnesso.

Al restauro del manto stradale si aggiungono i cantieri – pronti a partire – realizzati grazie ai cosiddetti “spazi finanziari” che il Governo, ha spiegato l’assessore ai lavori pubblici Alberto Gatto, «ha concesso. Si tratta di risorse in cassa, ma congelate a causa dei vincoli di bilancio».  Ottantamila euro andranno a ricucire le ferite dei torrenti Cherasca, rio Parusso e Seno d’Elvio; 260mila euro verranno sborsati per la scuola dell’infanzia Pollicino; 270mila euro per il terzo lotto del Centro provinciale per l’istruzione degli adulti (Cpia), che avrà sede in corso Michele Coppino. E, poi, ancora: per la scuola media Vida il Municipio spenderà 235mila euro; per la ristrutturazione della piscina 550mila, per l’impianto sportivo Renzo Saglietti 85mila; e anche nella scuola Michele Coppino sono previsti nuovi interventi per 287mila euro.

Continuano, poi, regolarmente i lavori per la costruzione della nuova scuola della Moretta, edificio il cui costo si aggira intorno ai 5 milioni di euro: sebbene, secondo l’opposizione, l’edifico non possa essere aperto a settembre, l’assessore Gatto assicura che l’Amministrazione sta infittendo gli sforzi in vista della scadenza.  La sequenza di cantieri termina con i ben noti lavori sulla tangenziale, che proseguono a spron battuto, anche se hanno causato inevitabili disagi. Nel complesso, i cantieri in corso e quelli previsti ammontano in totale a circa otto milioni di euro.

«Istruzione adulta» sembra un ossimoro, perché l’apprendere è associato all’età evolutiva. Invece, il completamento del terzo lotto del Cpia, dal costo di 270mila euro, assume significato strategico anche dal punto di vista politico. La Giunta ha approvato una delibera contenente il progetto esecutivo dell’ultima parte del cantiere di corso Michele Coppino. Spiega Gatto: «L’intervento prevede la realizzazione di quattro aule e due nuovi servizi igienici». È prevista pure la sistemazione del cortile e del marciapiede con pietre e autobloccanti. Al finanziamento della spesa provvederanno 60mila euro provenienti da un contributo della fondazione Cassa di risparmio di Cuneo, mentre 210mila deriveranno al Comune dalla possibilità di utilizzare risorse in cassa.

Ogni anno 150mila persone la scelgono. La piscina comunale coperta di San Cassiano è stata inaugurata a giugno 2004, conta 11 anni di funzionamento e nel 2018 costerà all’Amministrazione di Maurizio Marello oltre mezzo milione di euro di ristrutturazione. È stata una delibera recente a validare il progetto esecutivo per i lavori che interesseranno la copertura curva della vasca, vessata da infiltrazioni d’acqua quando piove. Sono, poi, preventivate operazioni sull’involucro della struttura – per migliorare l’isolamento termico –, sulla maggior parte dei serramenti dell’area della vasca e altre riqualificazioni. Spiega Gatto: «La piscina svolge un’importante funzione pedagogica e sociale, dato che è frequentata dalle scuole e dai ragazzi disabili. È stata però realizzata in un periodo in cui non erano richiesti valori normativi di elevata efficienza energetica e impone oggi costi di esercizio gravosi. Inoltre, evidenzia alcune criticità. Per questi motivi l’Amministrazione realizzerà in estate l’adeguamento energetico globale».

Valerio Giuliano

Banner Gazzetta d'Alba