Sommariva Perno: le donne e i giovani sono gli utenti più assidui della biblioteca

Letture animate per bambini nella biblioteca civica di Canale

SOMMARIVA PERNO Il 2019 è stato un anno di crescita per la biblioteca civica Marengo. Lo dimostra l’analisi dei dati effettuata all’inizio di quest’anno. Nel 2019 sono stati 135 i prestiti effettuati in più rispetto all’anno precedente (3.526 contro 3.391). In media, quasi 7 libri per lettore se si considerano i 529 utenti che lo scorso anno hanno preso in prestito almeno un libro, 65 in più rispetto al 2018.

Dalle statistiche raccolte si evidenzia che leggono di più le donne (59,35 per cento) rispetto agli uomini (40,65 per cento). Molti sono i lettori giovani: 271 quelli fino a 19 anni, 203 da 20 a 64 anni e 55 over 65. Tra questi, 15 lettori hanno preso in prestito tra i 21 e i 30 libri a testa durante l’anno passato e 9 hanno superato i 31 libri. Da quando è stato attivato il sistema informatico in biblioteca si contano un totale di 2.043 utenti registrati: un numero in costante crescita annuale, che prova il peso assunto dalla biblioteca sommarivese come riferimento culturale per il territorio.

La biblioteca dispone di 13.430 volumi, con un incremento nel 2019 di 328 titoli, anche grazie al contributo del Comune. La nuova Amministrazione (come tutte quelle degli ultimi 50 anni) continua a investire in modo sostanziale nella cultura e sui giovani. Questi grandi risultati non sarebbero possibili senza il lavoro dei volontari, i quali, oltre a garantire le cinque aperture settimanali, curano i prestiti collettivi per le classi delle elementari anche fuori orario, per venire incontro alle esigenze della scuola.

Oltre a Raffaella Bertolusso, Luisa Cornero, Francesca Cravero, Stefania Curreli, Teresa Lai, Margherita Magliano, Anna Maria Muò, Giovanni Porello e Carla Vinaccia, collaborano anche l’educatrice Simona Bruna, che si occupa dei laboratori di lettura per i bambini dai 3 ai 6 anni; Mariangela Gallo e Rosy Pennazio, che seguono il percorso Nati per leggere. Al martedì è stato recentemente avviato uno spazio dedicato ai bimbi da uno a tre anni i quali, in compagnia di genitori e nonni, possono iniziare a prendere confidenza con i libri.

Questi risultati sono frutto di un paziente lavoro che da anni la biblioteca svolge nei confronti delle nuove generazioni: perché un bambino che impara il piacere della lettura sarà un adulto che legge.

Federico Tubiello

Banner Gazzetta d'Alba