Domenica 5 e 12 aprile chiusi i supermercati Dimar (Mercatò)

Domenica 22 e 29 marzo chiusi i supermercati Dimar (Mercatò). Feriali: chiusura alle 19.30

AGGIORNAMENTO I punti vendita del gruppo Dimar, tra cui le insegne Mercatò, resteranno chiusi anche domenica 5 e domenica 12 aprile.

Nei supermercati e ipermercati del gruppo Dimar prosegue la campagna di solidarietà Tutti per il Piemonte e Tutti per la Liguria, per raccogliere tra i clienti donazioni da devolvere alla sanità e alla protezione civile delle due regioni. A tutti i clienti viene data la possibilità di fare un’offerta di 2 euro –  anche di più – per supportare chi ogni giorno è in campo per il bene della nostra comunità. La campagna è iniziata il 18 marzo e ha finora raccolto oltre 77mila euro, come si legge nel manifesto qui sotto che è affisso nei diversi negozi.

Domenica 22 e 29 marzo chiusi i supermercati Dimar (Mercatò). Feriali: chiusura alle 19.30 1

EMERGENZA CORONAVIRUS. Dimar ha deciso la chiusura totale degli oltre cento punti vendita (tra cui le insegne Mercatò) per le domeniche 22 e 29 marzo, rivalutando eventuali proroghe al termine del periodo. Da oggi, 18 marzo, anticipa la chiusura dei supermercati e ipermercati durante la settimana, alle 19.30. «Questi interventi sono assolutamente necessari per rispondere alle esigenze dei nostri collaboratori che lavorano ormai senza sosta, nei punti vendita, dall’inizio dell’emergenza Covid-19. Garantiremo comunque l’approvvigionamento di tutti i beni di prima necessità nelle giornate e negli orari di apertura», spiegano dall’azienda.

«Dal 24 febbraio, abbiamo istituito un Comitato tecnico di allineamento emergenza Coronavirus, composto da alte professionalità e competenze, che è in consultazione continua con il Servizio sanitario nazionale per recepire le modalità operative da seguire. Nel sispetto dei Decreti succedutisi, sino all’ultimo del Presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm) dell’11 marzo, abbiamo messo (e stiamo mettendo) in campo tutte le misure possibili atte a garantire il rispetto e la tutela della salute di lavoratori e clienti. In particolare:
è attivo un servizio costante di contingentamento dei flussi all’ingresso dei supermercati, con personale esterno specializzato, per garantire il rispetto delle distanze previste all’interno della superficie di vendita; ogni 15 minuti un messaggio audio ricorda di rispettare le distanze di sicurezza fra i frequentatori del punto vendita; i cartelloni esposti invitano a non sostare in corrispondenza delle cassiere e a optare per pagamenti elettronici a fine di ridurre la possibilità di contatto tra lavoratore e cliente; è stato installato un separatore in materiale plastico in corrispondenza di ciascuna cassa; Stiamo distribuendo mascherine e guanti per i lavoratori a contatto con la clientela e con i prodotti alimentari sfusi. Stiamo tuttavia riscontrando grandi difficoltà nel reperire questo dispositivo di protezione individuale per mancanza di disponibilità sul mercato. Dimar ha comunque messo a disposizione risorse economiche illimitate per poterne garantire la quantità necessaria; il sistema di aerazione interno è stato impostato per garantire il ricambio costante dell’aria senza alcun ricircolo, immettendo aria fresca dall’esterno; viene effettuata una sanificazione straordinaria di tutti i filtri presenti nei canali di aerazione; ci stiamo adoperando per sanificare gli ambienti di lavoro, le aree comuni, le attrezzature ed i dispositivi per la clientela con cadenza periodica prestabilita; stiamo attivando iniziative di welfare a favore dei nostri collaboratori nei punti vendita, che stanno svolgendo uno straordinario servizio in questo momento di emergenza».

Banner Gazzetta d'Alba