Boves, “buoni spesa” comunali per microimprese

Dal Comune per chi ha perso 40% fatturato a marzo-aprile

Boves, "buoni spesa" comunali per microimprese
Immagine d'archivio.

 BOVES Il Comune di Boves (9 mila residenti), in provincia di Cuneo, ha deciso di destinare 100 mila euro per “il sostegno delle microimprese e delle partite IVA con sede nella città” colpite dalla crisi a causa del Covid-19.

Si tratta di inediti ‘buoni spesa’ analoghi a quelli alimentari pagati dal Governo, ma da spendere nel territorio comunale non solo per cibo e medicine, ma “presso le attività che maggiormente hanno sofferto la chiusura per emergenza Covid-19”.

“Soldi riservati alle partita IVA bovesane e che rimarranno nel nostro territorio”, commenta il sindaco Maurizio Paoletti, avvocato, coordinatore provinciale di Forza Italia.

Da oggi il modulo di richiesta è sul sito del Comune e c’è tempo per fare richiesta fino al 27 maggio. L’iniziativa è riservata a microimprese con meno di 10 occupati che hanno avuto “una riduzione almeno del 40% del fatturato nei mesi di marzo e aprile”. Il titolare della domanda potrà indicare di essere “disposto a ricevere i buoni” producendo una “fattura elettronica da inviare al Comune di Boves per il pagamento, in tempi molto ristretti, degli stessi”.

(ANSA)

Banner Gazzetta d'Alba