De Benedetti a Dogliani: «Berlusconi nocivo per il Paese. La figlia del Cavaliere: «Lo commisero»

De Benedetti a Dogliani: «Berlusconi nocivo per il Paese. La figlia del Cavaliere: «Lo commisero» 1

FESTIVAL DELLA TV «Faccio i miei auguri a Berlusconi, ma il mio giudizio su di lui rimane critico: ha abbassato il livello di civismo e moralità del Paese. È l’Alberto Sordi della politica italiana. È stato molto nocivo al Paese». Lo ha detto Carlo De Benedetti al Festival della Tv e dei nuovi media a Dogliani. «Berlusconi è stato un grande imbroglione. Io l’ho punito severamente. Ha versato alla Cir 562 milioni, che è la più grande goduria che ho avuto nella mia vita, per uno che ha fatto di tutto per ostacolarmi. Per lui deve essere stato il più grande dolore della sua vita e per me la più grande goduria, anche se non ho toccato un euro personalmente».
All’editore ha risposto duramente la figlia del cavaliere, Marina, che ha definito l’intervento doglianese: «Le parole di un uomo in disarmo sotto tutti i punti di vista, dalle esperienze imprenditoriali fino ai rapporti famigliari, non possono suscitare altro che un sentimento di commiserazione».

De Benedetti stamperà e distribuirà il suo nuovo giornale, Domani,  con Rcs di Urbano Cairo: i due editori ne hanno parlato durante l’incontro di cui erano ospiti a Dogliani. «Non ci interessa cosa succede a Repubblica. È una fantasia maligna priva di fondamento. A Repubblica ci sono giornalisti straordinari», ha detto De Benedetti, a lungo editore del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari.

Ansa

Banner Gazzetta d'Alba