Chiara Gribaudo (Pd) chiede una legge speciale per il Piemonte e gli interventi post-alluvione

Alpi del Mediterraneo Unesco: la petizione di Chiara Gribaudo ha superato le 2500 firme

MALTEMPO È stata presentata venerdì 30 ottobre dai parlamentari del Pd primi firmatari, la cuneese Chiara Gribaudo e l’ossolano Enrico Borghi, la proposta di una legge speciale per il Piemonte e gli interventi post-alluvione del 2-3 ottobre. «Se non risolviamo i problemi di rischio idrogeologico delle nostre terre, rischiamo tra non molti anni di vederle sempre più abbandonate. Qui c’è il nostro passato, il nostro presente e il nostro futuro, perché dal recupero e dal rilancio di questi luoghi e di un modo diverso di vivere, passa la sfida per un mondo più sostenibile»,  dichiara Gribaudo.

Prosegue la parlamentare cuneese: «Con questa proposta di legge mettiamo in campo un obiettivo ambizioso, un piano di ricostruzione e sviluppo, da realizzare in accordo con la Regione, le Province e i Comuni, per ripristinare le infrastrutture e la viabilità, oltre che riattivare e sostenere le attività produttive. Mettiamo in campo un sostegno economico e finanziario delle imprese alluvionate, degli enti colpiti e dei privati, per sostenere un’economia territoriale in ginocchio che oggi sta combattendo una battaglia dura su due fronti, alluvione e pandemia da Covid 19» Conclude la deputata del partito  democratico: «Mi auguro di trovare concordi tutte le forze politiche su questo testo, e penso che la Regione Piemonte dovrebbe collaborare attivamente per ottenere la sua rapida approvazione. Vogliamo smettere di guardare alla pioggia e ai nostri fiumi come se fossero una minaccia. Ci stiamo rialzando piano piano, ma abbiamo bisogno di un intervento strutturale per poter guardare lontano».

 

Banner Gazzetta d'Alba