Università: Cirio incontra gli studenti del Campus di management e economia

Università: Cirio incontra gli studenti del Campus di management e economia 2

CUNEO L’8 ottobre il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha tenuto, su invito dei professori Giuseppe Tardivo e Antonello Monti una Lectio magistralis agli studenti del corso di economia e direzione delle imprese presso il Campus di management e economia di Cuneo. Cirio ha espresso il più vivo compiacimento della Regione Piemonte e suo personale per il Polo universitario cuneese di cui: «il Campus di management e economia è una espressione particolarmente significativa».

Università: Cirio incontra gli studenti del Campus di management e economia 1

Ha quindi sottolineato come la Regione, affrontando con successo le difficoltà dell’attuale situazione Covid, promuove lo sviluppo economico e sociale del territorio per aumentarne l’attrattività e favorirne la competitività, facendo leva su tre differenti direttrici: agenda digitale, supporto all’attivazione d’investimenti e internalizzazione del sistema produttivo. Ha concluso che nei momenti complessi e difficili nascono le rivoluzioni positive e sorge sovente una nuova alba foriera di futuro benessere. Ha quindi risposto a numerosi quesiti posti dagli studenti.

Tardivo, cofondatore assieme a Giovanni Quaglia, del Campus ha ricordato che: «Il polo universitario cuneese, che ha trovato nel Campus di management e economia una delle sue più significative espressioni, vuole essere sempre più un punto di riferimento, fondato sulla sua tradizione ma orientato al futuro per quanti cercano risposte alle nuove esigenze culturali, sociali, politiche ed economiche del territorio».

Università: Cirio incontra gli studenti del Campus di management e economia

Monti, cotitolare del corso, ha sottolineato l’importanza, in questo momento di criticità, della visione sociale dell’impresa.

Gli ha fatto eco la coordinatrice Milena Viassone, sottolineando il ruolo centrale del Campus che «ha saputo esprimere in questi 16 anni: non solo capacità didattico-formative, ma rilevanti orientamenti alla ricerca e sinergie operative con le imprese e le istituzioni per lo sviluppo e la valorizzazione del contesto di riferimento che ne sottolineano la vitalità e la specificità».

Il sindaco di Cuneo e presidente della Provincia, Federico Borgna, ha sottolineato come: «l’università debba oggi sapersi misurare con una ricerca pervasiva e multidirezionale», essendo finito il tempo delle risposte burocratiche ed aperto il tempo dell’ascolto e della condivisione dei bisogni della collettività.

Banner Gazzetta d'Alba