Il Gruppo Miroglio riorganizza la divisione Textile e chiude la Business unit tessuti

Debutta il nuovo logo del gruppo Miroglio

ALBA Il Gruppo Miroglio rende noto il progetto di riorganizzazione relativo alla divisione Textile, colpita dalla crisi economica e dalle conseguenze della pandemia di Covid 19. L’attuale contesto di crisi con scarse prospettive di normalizzazione nel breve periodo si innesta sulla precedente difficoltà del settore tessile e in particolare della stampa tradizionale dei tessuti. Oltre che con la progressiva riduzione dei volumi di produzione e vendita e con la sempre più aggressiva concorrenza di paesi con costi della produzione irrisori, la stampa tradizionale dei tessuti deve oggi confrontarsi anche con le conseguenze del suo forte impatto ambientale.

Per questo il Gruppo Miroglio ha deciso di procedere a un ripensamento del business che permetta di garantire una prospettiva all’azienda nel lungo termine con la scelta di concentrare sforzi e investimenti sulle aree a maggior potenziale di ripresa e sviluppo. Tale decisione si concretizza nella chiusura della BU Tessuti, focalizzata sulla stampa tradizionale e in ulteriori investimenti nella tecnologia di stampa water free di Sublitex e nella proposta di servizi integrati dalla progettazione alla produzione del capo finito di M360.

La chiusura della BU Tessuti di Miroglio Textile è la conseguenza della volontà dell’azienda di concentrare gli investimenti sui business che hanno maggiore possibilità di ripresa e successo per garantire una prospettiva futura e sostenibile all’azienda. Si tratta di una scelta sofferta ma inevitabile, considerato che la BU Tessuti ha visto una forte riduzione del fatturato negli ultimi anni e le previsioni di mercato per il settore disegnano uno scenario di medio termine molto critico” ha dichiarato Alberto Racca, Amministratore delegato del Gruppo Miroglio. “Nell’ambito dell’attività tessile, che nel suo complesso pesa meno del 10% del fatturato del Gruppo – il 90% è sviluppato dal fashion -, concentriamo sforzi e investimenti nei settori dove sia possibile sviluppare un reale vantaggio competitivo, come in Sublitex, la società specializzata in carta transfer dove stiamo aprendo un nuovo reparto dedicato al ciclo completo del poliestere con tecnologia water free e nella Business Unit M360, specializzata nello sviluppo e produzione di capi finiti e oggi anche attiva nella produzione di mascherine chirurgiche. Sono inoltre in corso trattative per formalizzare accordi e partnership produttive con altre Società che possano favorire il consolidamento di Sublitex e M360”.

Per cercare di limitare l’impatto occupazionale della chiusura della BU Tessuti (che riguarda 84 lavoratori), il Gruppo farà quanto possibile per ricollocare alcune risorse al suo interno.

Comunicato stampa Gruppo Miroglio

Banner Gazzetta d'Alba