Giro d’Italia: Sobrero ventiseiesimo nel grande giorno di Bernal. In Francia Rosa si piazza al tredicesimo posto

Giro d'Italia: Sobrero ventiseiesimo nel grande giorno di Bernal. In Francia Rosa si piazza al tredicesimo posto 1

CICLISMO Anche se è stato accorciato a causa del maltempo, il tappone dolomitico da Sacile a Cortina ha segnato, forse in modo definitivo, il destino del Giro d’Italia 2021. La frazione è stata ridotta da 212 a 152 chilometri e sono stati eliminati dal tracciato i passi Fedaia e Pordoi (cima Coppi del Giro a quota 2.239 metri), ma è bastato il Giau (nuova cima Coppi a 2.233 metri) a 18 chilometri dal traguardo a emettere verdetti difficili da ribaltare da qui a domenica. Nella cittadina che ospiterà le Olimpiadi invernali del 2026 ha vinto in solitaria il colombiano Bernal, consolidando il primato in classifica e mettendo la propria firma sul Giro d’Italia numero 104. Alle sue spalle, distanziati di 27 secondi, Bardet e Caruso. Tra gli uomini di classifica Vlasov è arrivato a 2’11” e Yates a 2’37. Ovviamente, la classifica alle spalle di Bernal è stata rivoluzionata. Ora il colombiano ha 2’24” su Caruso e 3’40” sull’inglese Carthy. Il langarolo Matteo Sobrero è arrivato ventiseiesimo a 11’40 dallo scatenato Bernal. Per il corridore di Montelupo Albese si tratta di un piazzamento di rilievo se si considera che si è lasciato alle spalle corridori del calibro di Evenepoel, Bettiol, Sanchez e Moscon.

Domani, martedì, la corsa osserverà il secondo giorno di riposo. Mercoledì è in programma la tappa Canazei-Sega di Ala, con arrivo in salita e giovedì toccherà alla frazione Rovereto-Stradella, con qualche saliscendi collinare prima del traguardo. Il Giro tornerà in Piemonte venerdì con l’arrivo inedito all’Alpe di Mera, in Valsesia, e sabato con la partenza da Verbania della tappa diretta a Valle Spluga-Alpe Motta.

Giro d'Italia: Sobrero ventiseiesimo nel grande giorno di Bernal. In Francia Rosa si piazza al tredicesimo posto
L’Arkèa-Samsic al via della corsa transalpina. Diego Rosa è il terzo da sinistra.

Oggi, sul versante francese delle Alpi si è svolta la prima edizione della Mercan’tour classic Alpes Maritimes, corsa in linea per scalatori di 143 chilometri da Saint Sauveur sur Tinée al Col de Valberg. Il successo è andato a Guillaume Martin, che ha preceduto su un podio tutto francese i connazionali Paret-Peintre e Armirail. Il cornelianese Diego Rosa (Arkèa Samsic) è arrivato tredicesimo, a 4’52” dal vincitore, risultando il primo della propria squadra. Per il roerino si tratta finora del miglior piazzamento stagionale. «È stata una giornata complicata a causa della pioggia e del freddo. Sono rimasto nel secondo gruppo dopo la prima discesa, poi ho cercato di rientrare, ma nel finale ho pagato lo sforzo compiuto, altrimenti forse potevo piazzarmi anche meglio. Comunque sono più che soddisfatto, è andata meglio del previsto», ha detto Rosa.

Corrado Olocco

Banner Gazzetta d'Alba