Govone: alla Collina degli Elfi migliorie strutturali per accogliere le famiglie

Govone: alla Collina degli Elfi migliorie strutturali per accogliere le famiglie

GOVONE Dopo la pausa dei mesi invernali, La collina degli Elfi torna a dare concretezza a quella che da oltre dodici anni è il suo obiettivo: accogliere le famiglie che hanno vissuto la sofferenza della malattia oncologica pediatrica, ospitandole gratuitamente nell’ex convento di Craviano, per aiutarle a ritornare gradualmente alla normalità, alla vita di tutti giorni, trovando nuovi equilibri. Sarà il primo anno senza padre Remo Raspino, della congregazione dei padri dottrinari, recentemente scomparso. Il suo ricordo accompagnerà tutti i volontari, che dal 27 giugno si preparano a dare il benvenuto a Govone agli ospiti.

In attesa di questo momento, l’associazione si è adoperata per rendere la Collina ancora più ospitale, apportando molteplici migliorie. La prima ha riguardato la struttura coperta per l’attività assistita con i cavalli:  finanziato da Smurfit Kappa foundation, attraverso la sezione di Asti, e da una famiglia dell’Albese, il paddock coperto permetterà di svolgere l’attività con i cavalli senza restrizioni anche in caso di maltempo e, soprattutto, senza essere sottoposti alla luce diretta del sole in estate, elemento importantissimo per i bimbi in terapia di mantenimento. Tra gli altri lavori realizzati, grazie al contributo della Compagnia di San Paolo è stato ristrutturato il cubo (salone polifunzionale che si affaccia sul parco, sovrastato da una splendida terrazza panoramica) ed è stato installato un ascensore utile a collegare i tre piani della struttura. Il contributo della fondazione Cassa di risparmio di Cuneo ha invece consentito il recupero del corridoio che conduce all’ascensore, al livello inferiore, oltre alla realizzazione di diversi altri interventi che hanno riguardato l’intera struttura. Sempre grazie alla fondazione Crc, che ne ha cofinanziato al 50% la realizzazione, raddoppiando la cifra raccolta grazie al crowdfunding lanciato in collaborazione con Rete del dono, proseguono i lavori per la realizzazione del labirinto sensoriale all’interno del parco, che dovrebbe essere completato in autunno.

Grazie all’officina Valorzi di Canale è stata ripristinata la Elfo car, golf cart donato diversi anni fa dal sodalizio Brüt sporc e gram, sul quale è stata effettuata un’accurata manutenzione. Inoltre, nei prossimi giorni verrà montata nell’area adiacente alla sala da pranzo una nuova tensostruttura, donata dalla Giesse logistica di Castellinaldo, ripristinando quella danneggiata nel corso dell’inverno. Lo spazio servirà per permettere alle famiglie, nelle belle giornate, di mangiare all’aria aperta godendo dell’ombra.

Tra gli altri ringraziamenti, doveroso quello alla cooperativa Vitale Robaldo di Alba, che da anni offre gratuitamente i propri servizi per la pulizia della struttura, prima dell’accoglienza delle famiglie.

Per chi, invece, volesse contribuire donando il proprio tempo libero, venerdì 11 giugno è in partenza il nuovo corso di formazione per  volontari strutturato su 5 incontri. Per svolgere l’attività di volontariato con le famiglie è sufficiente avere almeno 16 anni, mentre il corso si può frequentare anche nei mesi precedenti il 16° compleanno. Per le date del corso, iscrizioni e informazioni, inviare una mail a: corsi.formazione@lacollinadeglielfi.it.

 

 

Banner Gazzetta d'Alba