Sostegno alle case di riposo di Montà per le spese dovute al Covid

Sostegno alle case di riposo di Montà per le spese dovute al Covid
La decisione è stata presa dal Consiglio comunale. Nella foto: il Municipio.

MONTÀ Il Consiglio comunale ha deliberato in materia di tributi. In primo luogo c’è stata la presa d’atto del piano economico finanziario (Pef) per il servizio integrato di gestione dei rifiuti, certificato dal Coabser. Ha spiegato Silvio Moresco, responsabile dei servizi finanziari: «Il Pef non tiene conto solo delle spese che ha il Comune, come raccolta o smaltimento, ma anche dei costi della società che gestisce il consorzio, tipo l’ammortamento degli impianti e dei mezzi. Il Pef 2o21 è nell’ordine di 530mila euro: 250mila sono i costi variabili e 280mila quelli fissi». Il Comune di Montà continua ad applicare il 78% dei costi alle utenze domestiche e il 22% alle attività.

Un’altra delibera sempre in tema di tributi riguarda l’approvazione delle tariffe della Tari 2021 e delle misure a sostegno per l’emergenza Covid-19, con la rateizzazione del pagamento al 16 ottobre e al 16 dicembre, oppure in rata unica. Ha ricordato il sindaco Andrea Cauda: «Abbiamo ricevuto dal Governo 24.500 euro, che sono stati impegnati per concedere sgravi alle varie categorie. Si tratta di riduzioni dal 20 al 50 per cento in base al tipo d’attività o di penalizzazione avuta. Abbiamo poi voluto inserire anche una misura a favore delle due case di riposo, che hanno dovuto sostenere un gravoso impegno finanziario per fronteggiare l’emergenza sanitaria, in termini di acquisto di sistemi di protezione e maggiori costi del personale. Ci sembrava importante far sentire concretamente la nostra vicinanza». Moresco, in chiusura, ha puntualizzato: «Gli sgravi le attività economiche non dovranno richiederli, ma avverrà in automatico, in base alle dichiarazioni già risultanti agli atti».

Giorgio Babbiotti

Banner Gazzetta d'Alba