Il punto sul Covid in Piemonte: 85,3 per cento di vaccinati

Il punto sul Covid in Piemonte: 85,3 per cento di vaccinati 1

TORINO È tornato il raduno dei babbi Natale dell’ospedale Regina Margherita di Torino che oggi, sabato 11 dicembre, assieme ai supereroi della Forma Onlus e ai tanti eroi silenziosi che si occupano dei degenti, hanno fatto visita ai piccoli ammalti accompagnati dal presidente della Regione Alberto Cirio che, in più occasioni, ha potuto fare il punto sulla pandemia e sulle prossime mosse pe contrastare il coronavirus.

Più controlli ai green pass

«Chiederò ai prefetti di intensificare i controlli al green pass. So che le forze dell’ordine stanno già facendo molto, ma dobbiamo fare ancora di più e ricordare a tutti che hanno il dovere di controllare le certificazioni. Ci sono multe salatissime, non solo per chi ne è sprovvisto ma anche per chi non controlla», ha detto Cirio, ricordando che «Un anno fa, con l’Italia chiusa, i numeri della pandemia erano dieci volte superiori. Stiamo ottenendo un grande risultato, che dobbiamo preservare attraverso il continuo rigore, il rispetto delle regole».

Confronto dati Covid Piemonte dell'ultima settimana

Il confronto dei dati Covid dell’ultima settimana rispetto allo stesso periodo del 2020 fa emergere in modo chiaro come l’impatto del virus in Piemonte oggi sia estremamente più contenuto.  I contagi della settimana 4-10 dicembre sono 8.273, pressoché identici allo stesso periodo del 2020 (8.600 casi), ma oggi i ricoveri in ospedale sono quasi 10 volte meno (40 posti occupati di terapia intensiva contro i 341 dell’anno scorso e 455 posti letto ordinari rispetto ai 4.200 della stessa settimana del 2020).  L’impatto più alto continua a evidenziarsi sulla mortalità, passata dai 457 decessi della settimana del 2020 ai 12 della settimana appena conclusa.

Campagna vaccinale

Al momento in Piemonte l’83,5 per cento della popolazione vaccinabile ha aderito alla campagna e da giovedì 16 dicembre la possibilità verrà data anche ai bambini da 5 a 11 anni. Le prenotazioni si sono aperte venerdì 10 dicembre e dopo poche ore erano oltre 4mila le adesioni inserite nel portale ilpiemontetivaccina.it. A breve a tutti loro arriverà l’Sms di convocazione con data, luogo e ora dell’appuntamento.

Per i ragazzi da 12 a 18 anni il Piemonte ha deciso di rendere gratuiti i tamponi da fare per avere il green pass tra il momento dalla prima dose e i 15 giorni di attesa per la validazione del certificato vaccinale.

«Per uno studente andare a scuola è come per un adulto lavorare – afferma Cirio. «Abbiamo applicato a chi lavora questa misura, per analogia lo facciamo anche per i ragazzi che devono prendere i mezzi pubblici per andare a lezione e, in attesa del Green pass, hanno bisogno del certificato da tampone».

Il punto sul Covid in Piemonte: 85,3 per cento di vaccinati

70mila prime dosi in un mese

Tra gli adulti, nell’arco dell’ultimo mese sono circa 70mila quelli che hanno cambiato idea e si sono fatti vaccinare. «Credo si tratti di un gesto di coraggio, perché magari avevano paura e non si sentivano sicuri», sottolinea Cirio. «Convincere è meglio di costringere e li ringrazio perché con la loro scelta ora sono un buon riferimento per coloro che ancora non si sono vaccinati».

«Sto registrando nell’opinione pubblica, tra la gente, un orgoglio dei vaccinati. Le persone iniziano a rivendicare la loro scelta, a difenderla, e a pretendere dallo Stato che la loro scelta venga ripagata», conclude il presidente. «Prima parlavano sempre quelli del no, oggi invece parla anche chi dice sì e di questo sono particolarmente contento perché significa che possiamo avviarci verso la normalizzazione».

Banner Gazzetta d'Alba