Taglio del nastro per la nuova scuola dell’infanzia in via Monsignor Bussi a Santo Stefano Belbo

Taglio del nastro per la nuova scuola dell'infanzia in via Monsignor Bussi a Santo Stefano Belbo

SANTO STEFANO BELBO All’ingresso della struttura campeggia la frase di Cesare Pavese “Vivere è cominciare”. Un invito carico di speranza e di fiducia positiva che accoglierà i percorsi di vita dei bimbi di Santo Stefano Belbo e non solo: sabato 6 aprile è stata inaugurata, in via Monsignor Bussi, la nuova scuola dell’infanzia.

Il taglio del nastro è avvenuto in un clima di grande partecipazione: tra i presenti, accolti dall’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Laura Capra, l’assessore regionale alla Sanità Luigi Icardi, numerosi sindaci del territorio, cittadini e famiglie che hanno voluto vedere dal vivo la nuova opera per iniziare a viverla.

Modernità, risparmio energetico e comfort sono le caratteristiche dell’edificio, che colpisce anche per la fantasia dei colori della facciata (rosso, bianco, giallo, azzurro) che ben si legano alla creatività e alla libertà dei piccoli fruitori.

«Rappresenta un’opera di cui siamo molto orgogliosi: il suo iter – cominciato nel 2018, grazie a un bando della Regione Piemonte per l’edilizia scolastica, con un finanziamento di circa 1,5 milioni di euro – è stato lungo e nel percorso abbiamo superato numerosi piccoli ostacoli. Siamo partiti cambiando la scelta del sito rispetto al progetto originario a vantaggio di un’area più vicina ai servizi pubblici e dotata di un ampio parcheggio. Abbiamo dovuto poi far fronte all’aumento del costo dei materiali, all’emergenza Covid, alla crisi energetica, ma non ci siamo mai fermati, spinti dalla motivazione che si tratta di una struttura indispensabile per il territorio, che ci avrebbe proiettato nel futuro. Grazie a un bilancio sano e solido siamo riusciti a far fronte a tutti gli aumenti, arrivando con soddisfazione al traguardo», ha spiegato il sindaco di Santo Stefano Belbo, Laura Capra.

Un edificio moderno, antisismico, con alte prestazioni strutturali, oltre che dotato di tutti i servizi e gli spazi necessari per garantire un’attività scolastica immersiva e completa. Tutto racchiuso in un unico piano per rendere gli ambienti più fruibili. Oltre agli spazi interni pensati per le esigenze di bambini e del personale scolastico, è stata ricavata davanti alla scuola dell’infanzia un’area verde, in parte adibita a luogo di gioco.

«L’area giochi esterna è stata regalata alla comunità dalla ditta Capetta di Santo Stefano Belbo, che ha voluto festeggiare in questo modo i 70 anni di attività. Un gesto che merita un ringraziamento da estendere anche a tutti quelli che con il loro lavoro, la loro energia e la loro disponibilità hanno permesso di raggiungere questo importante risultato», ha concluso il primo cittadino.

 

Banner Gazzetta d'Alba