Ultime notizie

A Bandito una camminata che fa bene per aiutare don Max in Benin

Mercoledì 19 giugno alle 19 ci sarà la "Camminata che fa bene”, organizzata dall'associazione Primavera africana

A Bandito una camminata che fa bene per aiutare don Max in Benin 1

BANDITO La parrocchia e la frazione di Bandito non hanno mai dimenticato, come tanti braidesi, la limpida persona di don Max Lafia, il sacerdote del Benin che per alcuni anni, fino al 2010, è stato viceparroco di Bandito e tanto bene ha fatto nella nostra città, senza contare un libro, dedicato alla chiesa parrocchiale.

A Bandito una camminata che fa bene per aiutare don Max in Benin

Don Max assieme ad alcuni amici braidesi aveva fondato l’associazione, Primavera africana, con lo scopo di dare un futuro, un’educazione ai giovani ragazzi del Benin. Il progetto è diventato operativo nel gennaio 2011, quando un gruppo di braidesi, tra cui l’attuale sindaco Gianni Fogliato, allora assessore alle politiche sociali e alle finanze,  parteciparono all’inaugurazione dell’ospedale dedicato a san Giuseppe Benedetto Cottolengo  e della scuola nella città di Parakou, nel Nord del Paese.

L’associazione è viva ancora oggi, nella persona di Claudia Mallardo, attuale presidente, al Direttivo e ai numerosi simpatizzanti e soci che ancora oggi continuano a sostenere l’indimenticato don Max. Per questo motivo, mercoledì 19 giugno ci sarà la “Camminata che fa bene”, organizzata in collaborazione con Sporgente Bandito e da Gallerie Big.

Il ritrovo è fissato alle 19 nel piazzale della stazione di Bandito; la partenza verrà data alle 19.45 e seguirà un percorso adatto a tutti (anche agli animali). I 5 euro richiesti per l’iscrizione, fatte al momento del ritrovo, saranno devoluti ai progetti di Primavera africana. All’arrivo, pasta party, organizzata dall’associazione Alpini di Bra.

Lino Ferrero

Banner Gazzetta d'Alba