Ultime notizie

Autonomia differenziata, il Piemonte la richiede su tutte le 23 materie possibili

Alberto Cirio confermato alla guida del Piemonte: «Un risultato che mi responsabilizza» (VIDEO)
Foto Vacchetto

TORINO La Regione Piemonte ha chiesto l’autonomia su tutte le materie previste dalla legge. Lo ha fatto il governatore Alberto Cirio nel 2019, domandando al governo una integrazione rispetto alla richiesta del predecessore Sergio Chiamparino, che ne aveva chieste 13 su 23.

La richiesta del Piemonte sull’autonomia differenziata è partita nel settembre 2019 per tutte le competenze previste dagli articoli 116 e 117 della Costituzione. Il Piemonte ha chiesto inoltre maggiori poteri su gran parte delle 13 materie già indicate dalla precedente Amministrazione.

«Potenziare la nostra richiesta di autonomia – aveva affermato Cirio in quella occasione – era uno dei primi impegni del nostro governo e ora vogliamo affiancarci a Lombardia e Veneto nel rivendicare da Roma quello che ci spetta. Il Piemonte ha fatto l’Italia e non abbiamo nessuna intenzione di disfarla. Sappiamo che autonomia vuol dire responsabilità».

La richiesta di nuove materie ha riguardato: commercio estero, ricerca, giustizia di pace, agricoltura, caccia, sport, comunicazione, casse di risparmio e casse rurali, produzione, energia, alimentazione, oltre a una specifica attenzione per la montagna. Maggiori poteri sono stati chiesti anche su gran parte delle materie oggetto della richiesta del predecessore: fra questi, il potere per il governatore di emanare ordinanze in deroga alla normativa statale in occasione di calamità.

Ansa

Banner Gazzetta d'Alba