Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Le colline Unesco a Vinitaly

ALBA I paesaggi Unesco del Piemonte sono stati protagonisti a Vinitaly, a Verona, di un incontro nello stand della Regione. Per l’assessore regionale all’agricoltura Giorgio Ferrero, «dopo l’impegno per il riconoscimento Unesco, occorre ora raddoppiare gli sforzi perché i nostri paesaggi vitivinicoli non siano solo una bellezza da tutelare, ma diventino motore di sviluppo turistico e di promozione delle nostre ricchezze in tutto il mondo. L’Expo ormai imminente, con i milioni di visitatori che attirerà non solo a Milano, e l’esposizione della Sindone sono i primi banchi di prova per saggiare la capacità di attrazione e di valorizzazione delle straordinarie terre di Langhe-Roero e Monferrato».

Gianfranco Comaschi, presidente dell’associazione dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, ha ricordato che «il riconoscimento dell’Unesco non è un punto di
arrivo, ma un punto di partenza per salvaguardare e tutelare questo patrimonio ed esaltarne il valore con opportune politiche territoriali, ambientali e paesaggistiche».