Libri sotto l’ombrellone: il consiglio di Adriana Riccomagno

Libri sotto l'ombrellone: il consiglio di Adriana Riccomagno 1

ALBA Vi facciamo compagnia ogni settimana scrivendo di cronaca, cultura, sport, sanità, attualità: portiamo a casa vostra le notizie sotto forma di firma o di sigla ma in tutto ciò che raccontiamo mettiamo un po’ di noi. Dietro ai nostri nomi e cognomi o alle nostre iniziali ci sono storie, studi, scelte, passioni diverse: ho pensato a questo servizio, chiedendo agli altri collaboratori di suggerire, insieme a me, un libro per l’estate, come a un modo di farci conoscere meglio e di portarvi nel nostro mondo, anzi, nei nostri mondi. Regalare o consigliare un libro a un amico è un’occasione importante perché significa chiedergli di dedicare un po’ del suo prezioso tempo leggendo qualcosa che riteniamo meritevole: arricchente, divertente, stimolante, emozionante o semplicemente bello. I colleghi collaboratori del giornale hanno accolto con entusiasmo la mia proposta ed eccoci qui con ciò che mi aspettavo, un mix del tutto vario e inaspettato fra romanzi che hanno fatto la storia della letteratura e opere recenti, saggi e thriller. Buone vacanze da tutti noi!

Adriana Riccomagno

 

Chimamanda Ngozi Adichie, Cara Ijeawele. Quindici consigli per crescere una figlia femminista (Einaudi 2017, prezzo 15 euro)

Chimamanda Ngozi Adichie è una delle autrici più in vista degli ultimi anni: impegnata come i tempi duri richiedono, vincitrice di numerosi premi letterari, è diventata celebre per il suo discorso al TEDxEuston del 2012 intitolato “Dovremmo essere tutti femministi”, poi diventato anche un saggio con lo stesso titolo; il suo “Americanah” è recentemente stato suggerito da Obama per le letture estive. “Cara Ijeawele: quindici consigli per crescere una bambina femminista”, pubblicato da Einaudi nel 2017, è una sintesi del pensiero della scrittrice nigeriana con uno sguardo al futuro: la maternità come occasione di riflettere sulla cultura e l’educazione. Dopo averlo letto, ho scelto di regalarlo a tutte le amiche che stavano per diventare, come me, mamme di una bimba: un augurio di uguaglianza di cui c’è tanto bisogno.

Libri sotto l'ombrellone: il consiglio di Adriana Riccomagno

 

 

Banner Gazzetta d'Alba