Le esenzioni dal ticket per le visite specialistiche durano un anno in più

MMonchiero ottimista sulla nuova legge sulle assicurazioni di medici e ospedali

TICKET Dopo aver abolito il ticket sui farmaci la Regione ha prorogato fino al 31 marzo 2020 la validità delle esenzioni dalla compartecipazione alla spesa sanitaria per le visite specialistiche rilasciate a chi ha redditi bassi.

I cittadini con meno di sei anni e più di 65 che appartengono a un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a 36.151,98 euro (esenzione con il codice E01) non dovranno recarsi agli uffici dell’Asl per rinnovare il certificato e potranno usare i documenti in loro possesso fino al prossimo marzo.

Anche i titolari di assegno sociale e loro familiari a carico (codice E03) e i pensionati al minimo di età superiore a sessant’anni e loro familiari a carico – appartenenti a un nucleo familiare con un reddito inferiore a 8.263,31 euro (codice E04) – non dovranno fare nulla e hanno l’esenzione estesa di un anno. Il limite di reddito sale a 11.362,05 euro in presenza del coniuge e di 516,46 euro per ogni figlio a carico.

Invece i cittadini in possesso del certificato di esenzione con il codice E02, rilasciata a disoccupati e lavoratori in mobilità, dovranno recarsi all’Asl per il rinnovo del documento. «Considerata l’estrema variabilità della condizione di disoccupazione la proroga non è automatica», spiegano dalla Regione aggiungendo: «È bene ricordare che in caso di perdita dei requisiti di reddito basso che danno diritto all’esenzione, l’assistito è tenuto a darne tempestiva comunicazione all’Asl per l’annullamento del beneficio. L’utilizzo del certificato di esenzione senza averne i requisiti comporta responsabilità amministrative e penali».

Infine tutti i certificati con il codice E05, che esentavano dal ticket di due euro sui medicinali, non sono più necessari in quanto la quota fissa sui farmaci è stata abolita dal 15 febbraio.

Per i rinnovi e per i nuovi certificati è anche disponibilie il canale telematico attraverso il sistema pubblico di identità digitale Spid o, in alternativa, con credenziali collegate alla tessera sanitaria con microchip e alla Carta nazionale servizi. L’accesso al sistema digitale deve avvenire attraverso il sito della Regione, all’indirizzo www.sistemapiemonte.it.

Banner Gazzetta d'Alba