Dopo la cena del bollito in dieci si sentono male

Ospedali: il pronto soccorso regge assai bene all’estate bollente
Il pronto soccorso di Alba.

CANALE Finale amaro per la cena del bollito organizzata nei giorni scorsi dalla Pro loco di Canale in un locale incontri in via Mazzini, messo a disposizione gratuitamente da una ditta locale di costruzioni. Una decina di persone, tra le settanta partecipanti, ha accusato malori gastroenterici dopo la serata; una persona, che si è sentita non bene durante la notte, si è recata al pronto soccorso dove è poi stata dimessa dopo poco.

Da qui, probabilmente, la segnalazione che ha portato i funzionari del servizio igiene alimenti e nutrizione dell’Asl Cn2 a effettuare un sopralluogo dei locali, con conseguente revoca dell’autorizzazione. «In paese non ci sono spazi pubblici per queste attività e le poche volte che abbiamo chiesto altri locali ci sono stati negati», spiega il presidente della Pro loco Gianni Morello. «Questo provvedimento dell’Asl pregiudica anche la tradizionale tombola organizzata per l’Epifania», conclude Morello.

e.c.

Banner Gazzetta d'Alba