La minoranza di Narzole lancia l’appello: unire le forze verso le elezioni comunali anticipate

La minoranza di Narzole lancia l'appello: unire le forze verso le elezioni comunali anticipate
I consiglieri di minoranza di Narzole

NARZOLE «Nessuno di noi si augurava che accadesse tutto questo: possiamo però cercare di lasciare qualcosa di positivo partendo da questo momento di difficoltà. È arrivato il momento di mettere da parte le divisioni e provare a creare, insieme, quella stabilità amministrativa che ha permesso ai paesi limitrofi di svilupparsi in questi anni mentre a Narzole non è avvenuto: abbiamo 4 mesi per riuscirci». È Mauro Dogliani, dai banchi della minoranza, a lanciare l’appello, nella seduta del Consiglio comunale di lunedì 27 gennaio: superare le divisioni e trovare un’intesa fra le parti in vista delle elezioni comunali anticipate, disposte dalla Prefettura con la missiva che ha decretato al decadenza di Federico Gregorio dalla carica di sindaco dopo la sentenza della Cassazione nella vicenda Rimborsopoli.

«Prendiamo atto della decadenza del nostro Sindaco» aveva esordito in apertura dei lavori assembleari, la vice sindaco Laura Adriano. «Per noi un’ingiustizia, la nostra stima nei suoi confronti è immutata» ha proseguito l’amministratrice alla quale spetterà il compito di traghettare il Comune verso la tornata elettorale che, secondo le prime indiscrezioni, si terrà nel mese di maggio. «Al momento non abbiamo ancora una data precisa, attendiamo comunicazione dal Prefetto» ha proseguito Adriano. «La giunta rimane operativa, questo non sarà l’ultimo Consiglio prima delle elezioni».

Gli eletti rimarranno al loro posto garantendo la continuità amministrativa, ultimo atto la redazione del consuntivo di bilancio, secondo le disposizioni di legge. «Abbiamo bisogno di unire le forze e non disperderle fra le fazioni, solo così potremo pianificare a lungo termine come hanno fatto realtà come Cherasco, Bene Vagienna o Barolo. Le opere e i servizi verranno, nei prossimi 10 o 15 anni, solo se riusciremo a realizzare questa condizione: è il momento di cambiare». Il passo conclusivo della dichiarazione di Dogliani che ha raccolto l’approvazione della maggioranza.

«Condividiamo, bisogna spegnere le tifoserie che dividono il paese», ha commentato l’assessore Lorella Sartirano. Nelle prossime settimane il responso, a consiglio chiuso la riunione della maggioranza che si è protratta per alcune ore.

Davide Gallesio

 

Banner Gazzetta d'Alba