Il Telefono solidale di Alba amplia i suoi servizi a supporto dei cittadini

Terziario donna dell’Aca apre lo sportello per l’aiuto psicologico alle imprenditrici
Foto di repertorio

ALBA Il Telefono solidale, iniziativa nata il 14 aprile dalla coprogettazione di Comune di Alba, Consorzio socioassistenziale Alba-Langhe-Roero e associazione Pons, ha svolto sinora un ottimo servizio di ascolto e conforto per gli albesi. Con il passaggio alle Fase 2 di contrasto all’emergenza coronavirus, l’Amministrazione albese ha deciso di ampliare i servizi offerti dalla linea di ascolto che adesso risponde anche sulle incertezze dei cittadini riguardo le attività consentite e i comportamenti da tenere.

«Con l’avvio della Fase 2 la responsabilizzazione del cittadino è fondamentale per evitare un nuovo diffondersi del contagio – dichiara il sindaco Carlo Bo – e per questo ritengo indispensabile fare informazione sulle precauzioni e sulle misure che ognuno di noi deve rispettare. Il virus non scompare da un giorno all’altro, ciascuno deve contribuire a contenerlo attuando i giusti comportamenti».

Si ricorda che il numero da chiamare è 339-56.33.643, attivo dal martedì al sabato, dalle 15 alle 18. La linea telefonica continuerà, così, ad affiancare quella già operativa del Consorzio socioassistenziale.

Commenta Elisa Boschiazzo, assessore ai servizi sociali e assistenziali: «Ringrazio tutti gli operatori che hanno lavorato sinora, dando un sostegno e un conforto importante agli albesi. I buoni risultati ottenuti ci hanno convinto della possibilità di allargare il servizio anche all’informazione, per diradare i dubbi dei cittadini nell’interpretare le norme».

Banner Gazzetta d'Alba