A Bra dal 3 agosto si celebrerà nuovamente la Messa per i funerali

Coronavirus: la posizione della Conferenza episcopale italiana

BRA Dal 3 agosto a Bra i funerali, ma non i rosari, saranno celebrati in chiesa, sempre con le misure di contenimento e di attenzione per la pandemia, come avviene per la celebrazione eucaristica domenicale o feriale. In alcune città si erano già riprese le celebrazioni della Messa per i funerali ma, come sottolinea il diacono Giorgio Fissore a nome dei parroci, il fatto di riprenderli solo ora è dovuto a problemi importanti. Una città come Bra ha un numero elevato di funerali, in una giornata spesso più di due, e l’intervallo che è stato chiesto di un’ora tra un rito e l’altro spesso pone difficoltà organizzative tra cui il problema della sanificazione degli ambienti e il fatto che non ci sono volontari a sufficienza.

La Chiesa c’è sempre e non è la celebrazione eucaristica o meno a inficiare la preghiera per i defunti. La celebrazione delle esequie costituisce senza dubbio il momento culminante dell’accompagnamento rituale della morte. Essa può essere svolta tanto nella forma della celebrazione eucaristica, quanto nella forma della Liturgia della Parola. La raccomandazione dei vescovi di conservare come normale consuetudine lo svolgimento dei funerali nella chiesa parrocchiale con la celebrazione della Messa non esclude infatti situazioni pastorali nelle quali è opportuno e addirittura doveroso ordinare il rito esequiale nella forma della liturgia della Parola, tralasciando la celebrazione della Messa (Precisazioni CEI, 1-2).

Lino Ferrero

Banner Gazzetta d'Alba