L’abbraccio più forte ha vinto

L’abbraccio più forte ha vinto

SOLIDARIETÀ Il successo del progetto “L’abbraccio più forte”, voluto nei mesi scorsi dall’artista Valerio Berruti e dalla fondazione Nuovo ospedale, si è concretizzato nell’acquisto di un poliambulatorio mobile che opererà in Langa e Roero per offrire assistenza sanitaria. In una settimana sono stati raccolti 260mila euro, coinvolgendo oltre 650 persone da tutta Italia e dall’estero (Spagna, Germania, Regno Unito, Svizzera e Australia), per altrettanti disegni creati appositamente da Berruti durante il lockdown. Le donazioni raccolte a sostegno dell’emergenza sanitaria sono state destinate anche per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale, attrezzature, strumentazioni, letti per la terapia intensiva e subintensiva e per sostenere medici, infermieri e personale del nosocomio Ferrero.

L’abbraccio più forte ha vinto 1

Il risultato ha stupito lo stesso Valerio Berruti: «Quando ho visto l’ambulatorio mobile con l’immagine del mio Abbraccio mi sono commosso. Sono orgoglioso del risultato che abbiamo raggiunto insieme e sono felice di aver potuto dare il mio contributo». Nei prossimi giorni l’ambulatorio inizierà un periodo di formazione dei volontari che coadiuveranno il personale sanitario dell’Asl Cn2. Il mezzo su cui campeggia il celebre Abbraccio di Berruti è stato allestito da una ditta specializzata: è dotato di due aree adibite ad ambulatorio con ingresso dedicato, una per le visite su letto e una seconda su poltrona. Ci sono, inoltre, un bagno, gradini elettrici e rampe per l’accesso ai disabili, una veranda e gazebo per drive through (la modalità che consente di effettuare tamponi agli automobilisti senza che questi scendano dall’auto) o accoglienza esterna.

L’Asl Cn2 potrà offrire servizi che spaziano dalla prevenzione alla cura: si tratta di pratiche essenziali che proseguiranno dopo l’emergenza Covid-19. L’ambulatorio, infatti, è stato progettato per supportare la quotidiana gestione delle patologie croniche, permettendo indagini diagnostiche come la spirometria, l’elettrocardiogramma, la rilevazione della saturazione dell’ossigeno.

Mario Traina, direttore sanitario Asl Cn2, commenta: «L’ambulatorio mobile polidiagnostico è un mezzo con funzione territoriale, nato per incrementare i servizi al cittadino e andare oltre la centralità che spesso viene richiesta. Nel contesto di emergenza che stiamo vivendo, il mezzo sarà messo a disposizione della diagnostica per il Covid-19 (quale hotspot per i tamponi) e della campagna per la vaccinazione antinfluenzale pneumococcica».

Marcello Pasquero

Banner Gazzetta d'Alba